Salvini scrive a Die Welt: “E’ l’Italia a mantenere la Ue, non il contrario”

Condividi!

Matteo Salvini ancora all’attacco della Germania. Le parole del giornale Die Welt sull’Italia che deve essere controllata, perché “i mafiosi attendono i soldi da Bruxelles”, non sono piaciute affatto al leader della Lega. “Gentile Die Welt, i miliardi non sono mai arrivati in Italia dall’Ue, né via bilancio comunitario, né via fondo salvastati, ma hanno preso sempre e solo direzione contraria, dall’Italia verso l’Europa, e noi non abbiamo mai chiesto se andassero a finanziare la malavita tedesca”. È questo uno dei passaggi cruciali della lettera aperta che l’ex ministro dell’Interno ha indirizzato al giornale e che ha condiviso sul suo profilo Twitter. Un’invettiva che segue quella di questa mattina, giovedì 9 aprile, in cui Salvini scriveva: “Vergognatevi. Vergognatevi e sciacquatevi la bocca quando parlate di Italia”.

L’Italia, in questi anni, ha dato ogni anno alla Ue miliardi, che poi la Ue ha utilizzati per stipendi degli euroburocrati, prebende ad associazioni che difendono l’invasione e gli zingari, distribuiti ad altri Paesi Ue come la Romania.




5 pensieri su “Salvini scrive a Die Welt: “E’ l’Italia a mantenere la Ue, non il contrario””

  1. Appunto, dato che l’Italia mantiene l’Europa, l’Italia si può permettere decisioni unilaterali come invece fa il “mantenuto” Orban (per esempio sull’immigrazione illegale). Non lo ha mai fatto neanche quando eri tu, Salvino, agli Interni – barconi respinti: 0. La differenza non è tra mantenuti e contributori, ma tra chi ha le PALLE e chi non le ha (e un po’ anche tra chi è un paese libero e chi è comandato da un tizio vestito di bianco che si fa chiamare ‘o Papà).

  2. Gentile Matteo, le palle? Le abbiamo? Aspettiamo una convocazione. Se non ci convochi tu prima o poi lo farà qualcun’altro. Io sarò quello vestito come zio Vlad, ma con la tutina bianca.

Lascia un commento