Milano, Comune sospende gli affitti ai Rom: non possono rubare durante quarantena?

Condividi!

In data 6 aprile la determina comunale a Milano: “Sospensione e differimento del pagamento delle tariffe giornaliere per la permanenza e i servizi generali, nelle aree autorizzate di via Negrotto, via Chiesa Rossa, via Bonfadini e del Villaggio Martirano per i mesi di febbraio, marzo, aprile e maggio 2020”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Tradotto: gli zingari non devono pagare l’affitto visto che, nei mesi di quarantena non possono rubare, non essendoci turisti e pendolari in giro.

Non che finora paghino, ma adesso potranno non farlo ufficialmente.

Nel villaggio di lusso Martirano, ormai ridotto dai rom in una discarica, appena il 20% della quota d affitto totale viene correttamente versata.

Nei campi nomadi legali – già fa ridere così – in città le tariffe sono ridotte al lumicino e sono calcolate in proporzione dei residenti. Per esempio, spiega sempre Libero, “nei campi autorizzati di via Negrotto, Chiesa Rossa e Bonfadini l’ affitto costa 2,50 euro al giorno per un Isee che va da zero a 3mila euro, 3 euro al giorno con un Isee da 3mila a 6mila euro, 4 euro se l’ Isee supera i 6mila euro. Per quello nel Villaggio Martirano le tariffe sono più alte di 50 centesimi per ciascuna fascia Isee”.

Mentre gli italiani in difficoltà non riescono nemmeno ad entrare sul sito del comune di Milano per la procedura dei…

Posted by Silvia Sardone on Wednesday, April 8, 2020




Lascia un commento