Lampedusa, cittadini in rivolta contro gli sbarchi: straniero pro-Ong rischia linciaggio – VIDEO

Condividi!

Non contenti di avere distrutto il proprio Paese vogliono distruggere anche quelli degli altri. Tipico accoglione:

Il video completo del bizzarro sindaco di Lampedusa:

Il Sindaco di Lampedusa tranquillizza la popolazione !! Ricordo a molti che oltre le ONG abbiamo i TUNISINI che con barchini arrivano da SOLI dentro al PORTO e in varie cale e spiagge dell'isola INDISTURBATI chiedo al #Sindaco chi li #FERMA lui ?

Posted by Star Migliosini on Wednesday, April 8, 2020

Intanto i cittadini protestano. Loro senza soldi e i clandestini sbarcano e vengono subito portati dove avranno vitto e alloggio garantito per sempre:

Lampedusa

Posted by Valentino Pietro Sucato on Wednesday, April 8, 2020

A Lampedusa la tensione è alta a causa degli sbarchi multipli avvenuti nelle ultime ore. Dopo i 67 clandestini di ieri martedì 8 aprile, oggi altri 50 sono riusciti ad arrivare sull’isola. Senza dimenticare i 46 che già si trovavano in quarantena da lunedì.

Al momento però non c’è una soluzione di accoglienza per circa 60 di loro e le norme per il contenimento del coronavirus complicano ulteriormente le cose, esasperando la situazione.

I lampedusani hanno raggiunto il Comune: “Noi siamo in quarantena e loro vanno a passeggio. Non deve venire nessuno su quest’isola”. La protesta nasce dal fatto che ieri, ma è così sempre, gli immigrati sbarcati lunedì – e messi in quarantena con ordinanza del sindaco – sono riusciti ad allontanarsi e sono stati sorpresi a spasso per Lampedusa. Questo episodio ha fatto arrabbiare gli abitanti che rispettano i decreti e le ordinanze del governo e della regione, al punto da inscenare una protesta in strada.

VERIFICA LA NOTIZIA
Il Radiotaxi degli scafisti esulta per il barcone con 67 clandestini scortato in mattinata a Lampedusa dalle stesse autorità che multano mamme con passeggini, anziani a passeggio e pericolosi surfisti. Barcone che era stato respinto da Malta.

E così il totale sale:

Centinaia in pochi giorni, mentre voi non potete uscire di casa:

Voi chiusi in casa e sbarcano 300 clandestini da zone infette

Una sessantina di lampedusani, fra cui pescatori, stamani, sono scesi in strada e hanno protestato davanti al Comune di Lampedusa contro il sindaco Salvatore Martello per l’arrivo di altri migranti. “Noi siamo in quarantena e loro vanno passeggiando. Non deve venire nessuno su quest’isola, nessuno”, hanno urlato gli esasperati lampedusani.

La protesta è stata inscenata perché ieri tre dei 46 migranti sbarcati lunedì, e posti con ordinanza del sindaco in quarantena, sono riusciti ad allontanarsi dall’hotspot.

I lampedusani hanno paura del contagio da coronavirus e sono soprattutto arrabbiati perché rispettano i decreti e le ordinanze del presidente del Consiglio e della Regione e i migranti “vanno invece a spasso”. Il sindaco Totò Martello ha dato ragione ai concittadini e sta cercando di capire cosa sia accaduto.

Non solo Lampedusa:

Mini sbarco di #migranti a #Marsala: in 7 sono approdati con un gommone ad Isola Lunga

Posted by Giornale di Sicilia on Tuesday, April 7, 2020




5 pensieri su “Lampedusa, cittadini in rivolta contro gli sbarchi: straniero pro-Ong rischia linciaggio – VIDEO”

  1. Purtroppo dopo essere stati amministrati da G. Nicolini, i Pelagici avranno detto: “Basta, ora votiamo il primo che passa per levarcela dalle palle”… e il primo che passava era “Totò Martello” (virgolettato perché non è un reale essere umano, è un PNG).

  2. Ma possibile che sti accoglioni la sfangano sempre?
    Ma ci vogliamo arrivare a rompergli il culo a sti stronzu di spagnolo, francesi, olandesi, tedeschi ecc. che ci scaricano negri a vagonate?

  3. Ci mancava pure il filosofo spagnolo col discorso umanitario. Ha rischiato di pagare x tutti. Improvido.

    Ormai arrivano con qualsiasi mezzo: navi, pescherecci , barconi, barchini, gommoni. Mancano solo le zattere e i surf. Gli piace vincere facile.

Lascia un commento