Immigrati abusivi esigono reddito di quarantena e spesa gratis – VIDEO

Condividi!

“Assurdo, mentre a Roma ci sono immigrati (occupanti abusivi) che chiedono il reddito di quarantena, rom che prendono la spesa in una chiesa a Ponte di Nona scortati dai Vigili, una zona rossa con positivi extracomunitari, la Raggi sposta i clandestini della Stazione Tiburtina in una palestra che adibisce a centro di accoglienza. È questa la Priorità? Ditemi la Vostra”. Così l’attivista romano Simone Carabella.

Assurdo, mentre a Roma ci sono migranti(occupanti abusivi) che chiedono il reddito di quarantena ,rom che prendono la spesa in una chiesa a Ponte di Nona scortati dai Vigili, una zona rossa con due positivi extracomunitari ,la raggi sposta I migranti clandestini della Stazione Tiburtina in una palestra che adibisce a centro di accoglienza.È questa la Priorità?Ditemi la Vostra.#CIRIPRENDIAMOTUTTO❤🇮🇹

Posted by Simone Carabella on Tuesday, April 7, 2020

“Un palazzo di 800 immigrati senza controllo e senza la minima precauzione anti contagio. Il Selam Palace rappresenta una vera e propria zona rossa all’interno di Roma tant’e’ che e’ stato necessario mettere in campo l’esercito per circondare e isolare lo stabile. Questo e’ il risultato dell’assenza del sindaco Raggi che a parole promette ma nei fatti non prende decisioni e di un governo che invece permette ancora ulteriori sbarchi, nonostante il nostro Paese sia gia’ al limite. Intanto a Roma questo degrado incontrollato rischia di aver causato una situazione sanitaria fuori controllo.

“Ci auguriamo che non sia cosi’, ma non possiamo permettere che la citta’ abbia queste zone off limits a causa della pessima gestione politica”. Cosi’ in un comunicato Francesco Zicchieri, vicecapogruppo della Lega alla Camera.

Stazione diventa campo di calcio per immigrati: se ne fottono della quarantena – VIDEO

Coronavirus a Roma: palazzo occupato da immigrati dichiarato ‘zona rossa’ – VIDEO




4 pensieri su “Immigrati abusivi esigono reddito di quarantena e spesa gratis – VIDEO”

  1. No io gli darei le valigie… Con dentro i loro abiti un bel biglietto di andata senza ritorno, verso i loro paesi. Qualcuno appassionato di modellismo, mi disse tempo fa, di metterli su quegli aerei di legno che usavano i giapponesi durante la seconda guerra mondiale, senza esplosivo e senza pilota.
    A chi ha diritto di stare qua controlli periodici e se commettono reati in carcere, poi ci pensiamo.

Lascia un commento