Voi in quarantena seguiti dai droni: sbarcano decine di clandestini a Lampedusa

Condividi!

Ricordiamo che in Nordafrica è in corso un’epidemia di coronavirus con centinaia di morti ufficiali.

Con le Ong tedesche tornate davanti alla Libia, ripartono i barconi. Duecento clandestini sono stati caricati ieri dalla Sea Eye:

ONG TEDESCA CARICA 200 CLANDESTINI DOPO CONTATTO CON SCAFISTI BANGLA: PUNTA L’ITALIA

Un altro barcone è arrivato a Lampedusa e ha sbarcato 34 clandestini, in prevalenza di nazionalità subsahariane.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Ho immediatamente firmato una ordinanza sindacale – ha affermato il sindaco, Totò Martello – che prevede che tutte le persone sbarcate siano direttamente trasferite dal Molo Favaloro (dove sono state raggruppate ed assistite da personale fornito di Dispositivi di protezione individuale così come previsto dalle norme sul Coronavirus) all’interno del Centro di Accoglienza, dove resteranno in condizione di quarantena, senza dunque potersi mai allontanare dalla struttura. Sarà attivo un servizio di controllo per fare in modo che nessuno esca dal Centro, e verrà effettuato un costante monitoraggio dal punto di vista sanitario”. “Vista l’emergenza Coronavirus – conclude Martello – la decisione di porre in quarantena le persone sbarcate sull’isola è necessaria a tutela della salute pubblica e di quella degli stessi migranti: nessuno di loro entrerà in contatto con la popolazione locale”.

Certo, come no. Staranno chiusi nell’Alcatraz lampedusano dove le fughe sono all’ordine del giorno. E non solo a Lampedusa:

Coronavirus, immigrati fuggono dall’hotel dove erano in quarantena

Non trovate ridicolo che questo governi schieri migliaia di militari e agenti con droni, elicotteri e satelliti a caccia di mamme col passeggino e lasci sbarcare energumeni dall’Africa? E’ o non è uno Stato di merda?




5 pensieri su “Voi in quarantena seguiti dai droni: sbarcano decine di clandestini a Lampedusa”

  1. ma a questi la multa di 500 euro l’handicappato del sindaco la fa o no? allora denunciatelo per omissioni di atti d’ufficio, nei decreti dei castrati ci doveva essere scritto al negro e mussulmano che non si attiene alla quarantena calci in culo a casa sua, quindi chiunque sbarca andava rispedito indietro, cosi si fanno le leggi e non a rompere i coglioni a qualcuno che vuole andare a vedere un po di pelo di bella figa che corre al parco, ma loro sono castrati e si eccitano solo vedendo negri che puzzano e sudano,,,ricchioni di merda

  2. L’Italia ed altri Paesi sta passando un momento terribile e devastante e questi inutili mangiapane a tradimento o peggio criminali in cerca di scorribande vengono per aggiungere il loro gravame.
    Uno Stato che avesse un minimo a cuore la sorte dei propri cittadini quantomeno applicherebbe un blocco ferreo degli ingressi (indesiderati) di stranieri clandestini non solo per ragioni sanitarie ma soprattutto per una mera questione di aggravamento degli oneri e costi (improduttivi) per sostenere l’orda di fancazzisti.
    Pertanto un comportamento omissivo, e commissivo, di questo governo, peraltro abusivo, integrerebbe il reato di alto tradimento – nei confronti del sofferente popolo italiano – da parte innanzitutto del Presidente del Consiglio e del Ministro dell’Interno.

  3. speriamo che i lampedusani accoglioni si infettino loro e le loro mamme (non tutti i lampedusani sono accoglioni)… puo’ essere che morti loro, coloro che restano comincino a mandare affanculo tutti i negri che vogliono sbarcare…. imparate dai greci, non li hanno fatti sbarcare

  4. Che le ONG siano colluse con le organizzazioni criminali di trafficanti e che organizzano le traversate in mare dei clandestini dalle coste libiche all’Italia lo sanno tutti. Inoltre poi scatta il business delle mafie locali che lucrano sui contributi statali per il mantenimento di questi potenziali terroristi. In un paese che si rispetti tutto cio’ non succederebbe. Il nostro attualmente non lo rispetta nessuno, a cominciare da questi trogloditi che appena tornano a piede libero spesso si rivelano per quello che sono: criminali o jihadisti dal coltello affilato e dallo sputo facile. Ci vorrebbero dei vertici politici di ben altra levatura ed autorevolezza per contrastare il fenomeno. Ci vorrebbero, ma non ci sono.

Lascia un commento