OMS sconsiglia uso diffuso mascherine, per Trump fa interessi cinesi

Condividi!

“Indossare una mascherina – spiega l’Oms, riprendendo quanto già affermato ieri dal Dg Tedros Adhanom Ghebreyesus – è una delle misure di prevenzione che può limitare la diffusione di alcune malattie virali respiratorie, tra cui Covid-19″, ma al tempo stesso, “questa misura da sola non è sufficiente a fornire un livello adeguato di protezione: sia nel caso si usino o meno le mascherine, occorre rispettare al massimo le regole di dell’igiene delle mani e di distanziamento fisico. Gli studi sierologici determineranno la vera entità delle infezioni asintomatiche”.

Si avverte che “l’uso di mascherine nella comunità può creare un falso senso di sicurezza, e un il rischio di trascurare altri elementi essenziali, come appunto l’igiene delle mani, l’evitare di toccare viso e occhi e il distanziamento fisico”. Infine, il problema più grave:”le mascherine devono essere riservate agli operatori sanitari e l’uso estensivo potrebbe creare carenze di questi dispositivi per chi ne ha più bisogno. L’Oms continua a monitorare attentamente eventuali modifiche che possano influire su queste indicazioni intermedie. In caso di cambiamenti, verrà pubblicato un ulteriore aggiornamento”.

L’Organizzazione mondiale della sanità “ha sbagliato. Finanziata in larga parte dagli Stati Uniti è per qualche motivo Sino-centrica. Fortunatamente ho respinto il loro consiglio di tenere aperti i confini alla Cina all’inizio. Perché dare una raccomandazione così sbagliata?”. Lo twitta Donald Trump, assicurando che guarderà attentamente all’Oms e ai finanziamenti americani.

Il suo presidente è noto per avere insabbiato un’epidemia di colera in patria. Per questo lo hanno messo a capo dell’Oms. Un’organizzazione politica, non scientifica.




Lascia un commento