Il Governo ha mentito sul numero dei morti, Fisico: “7 volte tanto”, centomila morti?

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Il reale andamento dell’epidemia potrebbe diverso da quello mostrato dalla Protezione civile. Il picco potrebbe essere avvenuto in anticipo rispetto a quello ufficiale.

Così Daniele del Re, docente di Fisica all’ università La Sapienza, “Il fatto che le fonti ufficiali continuassero a ritenere il rallentamento del contagio inferiore alle attese. C’era la curiosità di capire quali potessero essere le cause del lento calo. Controllando i dati Istat sulla mortalità da inizio anno 2020 fino al 21 marzo, quelli fino ad oggi disponibili, riguardanti 1084 comuni, molti dei quali al Nord, pari al 20% della popolazione italiana. Le morti giornaliere sono state confrontate con gli anni precedenti. Dalle tabelle emerge un eccesso di decessi da ascrivere al Covid-19”.

“Dopo un iniziale ritardo, i decessi ufficiali sembrano crescere in maniera più rapida a causa di un aumento dei tamponi per le diagnosi. Almeno in una prima fase dell’epidemia il numero delle vittime del Covid 19 sembra notevolmente sottostimato, da 2 a 10 volte a seconda delle Regioni. Magari siamo messi meglio di quanto crediamo. Il tema del rilascio graduale del lockdown è cruciale e le informazioni potrebbero essere interessanti. Ma ci sono anche dati molto negativi, come il fatto che tanti decessi non sono stati monitorati. A Genova, città di cui abbiamo i dati sull’eccesso della mortalità estratti dal sistema di sorveglianza SiSMG, le morti supererebbero di 7-8 volte quelle comunicate ufficialmente”.

Quindi, in media, avremmo 5 volte i numeri comunicati dal governo. Parliamo di centomila morti. Quindi il picco ci sarebbe già stato, la politica da invasati non sarebbe servita a nulla e stare in casa ora è inutile.

I Fisici sono i più adatti a comprendere la realtà delle cose, perché hanno una visione di insieme rispetto agli ‘specialisti’.




2 pensieri su “Il Governo ha mentito sul numero dei morti, Fisico: “7 volte tanto”, centomila morti?”

  1. Finalmente sono riuscita ad avere i dati genovesi promessi. I morti vengono principalmente cremati, diretti verso l’unico grande antico cimitero che è Staglieno, gli altri piccoli naturalmente li utilizzano per i non covid oppure covid non tamponato. I numeri totali sono questi: i giornalieri 20 o 25 in tempi normali, sarebbero lievitati a circa 75 di media al giorno. Recentemente non vi sono stati cali numerici. Quindi le rassicurazioni che le cose vanno assestandosi sarebbero bugie.

Lascia un commento