Calciatori Serie A in rivolta contro il taglio degli stipendi

Condividi!

Aic su tagli: “Proposta irricevibile”
“E’ una proposta vergognosa e irricevi-
bile”. Non usa mezzi termini Umberto
Calcagno, vicepresidente dell’Assocal-
ciatori, riferendosi all’accordo sui
tagli degli ingaggi ratificato dalla
Lega di Serie A.”E’ chiaro che si vuole
far pagare solo ai calciatori gli even-
tuali danni della crisi”.

“L’unica parte rilevante -chiosa Calca-
gno- è l’inciso in cui si dice che le
squadre dovranno negoziare le modifiche
con i singoli giocatori”.




7 pensieri su “Calciatori Serie A in rivolta contro il taglio degli stipendi”

    1. Se dovessi fare bim bum bam per scegliere per primo, sceglierei sempre Cristiano. Da molto prima che giocasse in una squadra Italiana. Anche se potessi scegliere Diego o Eusebio o Don Alfredo Di Stefano.

      1. O Batigol, o VanBa, o Michel. Destro, sinistro, testa, rovesciata, carattere, punizione fuminante, rigore a 130 all’ora, sostegno ai compagni quando sei infortunato…. Cristiano è quello che io chiedo al mio Capitano.
        Pure il Pupone nel 2006 quando ha dovuto battere un rigore decisivo non gli ha fatto il cucchiaio ma ha tirato una fucilata.
        CR7 è una fucilata sempre. Il MessiGatto non è nemmeno vicino a El Diego. Cristiano è Cristiano. Il Messigatto è il Diego dei poveri.

        Ma ricordatevi che questi esistono solo perchè George non aveva tempo.
        Perchè Maradona good, Pelè better but George… Best!

        1. Non ho citato la persona che ha cambiato il calcio e che mio padre è andato a vedere a Belgrado nel 73 con la 124 color verde palude al tramonto ma non del tutto sera, interni “cacchetta”. Perchè io ho il bavaglino di Johan Cruyff. Il mio bavaglino. Johan Cruyff. Perchè se uno di noi vedesse i due terzini duettare sull’ala sinistra li rincorrerebbe con l’ombrello (Gianni Brera).

          1. Quelli erano giocatori. Mica le schifezze attuali. Cmq senzq calcio in tv a rompere i coglioni, si sta da dio!!!

Lascia un commento