Tutti a casa fino all’estate: il governo ha perso il controllo dell’epidemia

Condividi!

L’alternativa sarebbe mascherine per tutti e tamponi di massa.

VERIFICA LA NOTIZIA
Tutti a casa fino all’estate e oltre. La folle indiscrezione è del Messaggero, che riporta fonti del governo dei pagliacci: tra venerdì e sabato, vigilia della festa, gli italiani verranno a sapere che la quarantena è destinata ad essere ancora prorogata.

La decisione sarà oggetto di un nuovo decreto della Presidenza del Consiglio, l’ennesimo. Senza nemmeno differenziare a seconda delle zone.

Il fatto è che il governo non ci sta capendo nulla da mesi. E che la cosiddetta quarantena non funziona: “il contagio, come dimostrano anche i dati odierni, non scende rapidamente come avevamo sperato”. Proprio non scende. E questo perché tenere la gente in casa non serve a nulla, serviva fornire medici ed operatori con le mascherine, quelle adeguate.

E allora, per evitare “un moto incontrollato (e incontrollabile) di spostamenti e assembramenti” il nuovo decreto stabilirà la proroga delle misure attuali fino al 3 maggio. Nel frattempo, si potrà procedere alla “riapertura graduale” di attività produttive, basandosi sui test sierologici predisposti con le Regioni per stabilire chi effettivamente sia fuori dal rischio-infezione.

Abbiamo un governo di incapaci e un’opposizione che non si oppone. Cosa ci facciamo con una opposizione che non si oppone e svende le nostre libertà in nome di un virus che non si combatte chiudendosi in casa?

Non ve lo dicono. Ma la quarantena non serve ad eliminare il virus. Solo, almeno in teoria, a rallentarne la diffusione. Il problema è che i virus, probabilmente anche questo, non smettono di diffondersi prima di avere contagiato almeno il 60 per cento della popolazione (immunità di gregge). E allora, una volta usciti di casa, dopo una pausa per l’estate, è certo che l’epidemia riprenderà.

E allora cosa, di nuovo tutti chiusi in casa fino a quando? La speranza non detta di chi vi tiene chiusi in casa è che il virus muti e mutando si indebolisca. I virus, di solito, lo fanno dsrwinianamente per diffondersi meglio e non ‘morire’. Ma le mutazioni sono comunque casuali, e non è detto che non se ne verifichi una che lo renda più mortale.

Insomma, abbiamo un governo che non sa che pesci pigliare. Che insabbia la strage e, per questo, assolda estremisti di sinistra per censurare le notizie sul coronavirus.

E’ tempo di disobbedire agli ordini di un governo di incapaci che ci sta portando al macello. Raramente le autorità hanno ragione. In questo caso hanno torto fin dall’inizio.




10 pensieri su “Tutti a casa fino all’estate: il governo ha perso il controllo dell’epidemia”

  1. Meno diversità genetica c’è in una popolazione, meno mutazioni sarà capace di fare il virus. Ma la diversità è la nostra forza, altrimenti 6 milioni di Ebrei saranno trasformati in saponette e/o paralumi dopo aver subito una doccia di gas letale in una stanza con porte di legno. Mica vogliamo farlo accadere di nuovo? Mai più!
    Comunque i decreti hanno valore amministrativo e la protezione civile non è la polizia, quindi si può benissimo mettere su un rave senza essere condannati penalmente.

  2. Vox, io mi fido di voi, cercate di capire come opporsi alle multe che vanno dai 400 agi 3.000 euri, perché qui nessuno si preoccupa del processo farsa ne’ tantomeno del contagio. Il governo penso stia aspettando il vaccino, ovvero ottobre nella migliore delle ipotesi.

  3. Aspettano che il virus muti e si indebolisca, ovvero che sviluppi un ceppo meno pericoloso che potrebbero far diffondere per immunizzarci? Praticamente stanno aspettando che Dio inventi il vaccino? Col rischio che se muta peggio ammazza tutti mentre invece questo ci avrebbe immunizzata con qualche vecchietto stecchino. Criminali, folli, la seconda ondata sfonda pure i bambini!

  4. il vaccino molto probabilmente il delinquente Gates con il suo amico di merende Soros ce l’ha già pronto nei suoi laboratori ma aspetta per poter fare incassi miliardari. Comunque il vaccino non risolve il problema in quanto recentemente il virologo di fama mondiale Giulio Tarro ha definito inutile una simile soluzione dal momento che potrebbero esistere differenti ceppi del virus e di conseguenza l’immunizzazione sarebbe completamente inefficace

    1. La stessa cosa si è verificata con la meningite a. b. c. e il quarto non ricordo più quale fosse. Ma un giovane era morto, pur avendo fatto il vaccino, per un altro ceppo dicono, oppure (a mio avviso…) è morto di meningite a causa dello stesso, è noto che se il fisico è debilitato anche senza saperlo, il vaccino diventa letale.

  5. infatti per puro caso a Bergamo ci sono più morti in quanto gran parte della popolazione si era vaccinata contro la meningite e l’influenza abbassando in tal modo il sistema immunitario ma nessuno lo confermerà: il business dei vaccini è miliardario ….

  6. “…Raramente le autorità hanno ragione…”: dipende da chi siamo governati. Indubbiamente i giallofucsia non ce l’hanno mai. Una vera sciagura per la Nazione, e se non tali non fossero stati il virus non sarebbe penetrato così facilmente.

  7. VOX,ho letto un commento simile e mi accodo…con le multe fatte ,da questi disgraziati ,da 400 a 4k cosa si puo fare,si puo soerare in qualcosa?grazie raga vi leggo sempre,anche se da poco,ma davvero vi leggo con moolto interesse e siete ammirevoli,un’ottimo giornalismo!complimenti…

Lascia un commento