Milioni di disoccupati e il governo importa lavoratori dalla Romania – VIDEO

Condividi!

“Ci attendono altre morti”. Ferruccio De Bortoli, non certo un neonazista, accusa il governo in collegamento con Stasera Italia immagina quello che accadrà dopo l’emergenza sanitaria da coronavirus. E che non è difficile immaginare.

“Disoccupazione, posti di lavoro che non si riusciranno a recuperare”, ecco lo scenario dei prossimi mesi.

“In tutto questo afflato di intervento dello Stato e dell’Europa c’è confusione – spiega l’ex direttore del Corriere della Sera e del Sole 24 Ore -: non si potrà dare tutto a tutti, salvaguardando tutti. Così si creano dei paradossi: da una parte stiamo facendo accordi con la Romania per avere dei lavoratori e dall’altra cresce la disoccupazione che temo sarà un tema dei prossimi anni“.

La ministra dell’Agricoltura, Teresa Bellanova, è al lavoro per cercare l’intesa con i Paesi dell’Est Europa e riportare i lavoratori stagionali nei campi italiani. Ora che la Commissione europea ha dato il via libera al cosiddetto “corridoio verde”, cioè alla libera circolazione nella Ue dei lavoratori agricoli al pari di quelli del settore sanitario, è questa la via maestra per rispondere all’emergenza dell’agricoltura italiana. «Sono in contatto con quei Paesi – ha detto la ministra – e lunedì 6 aprile incontrerò l’ambasciatore rumeno in Italia. I corridoi verdi sono importanti, ma da soli non bastano. È necessario individuare soluzioni condivise Paese per Paese e stiamo lavorando anche su questo fronte».

Ora si inventano anche i ‘corridoi verdi’: perché non chiedete a qualche migliaio di italiani che state segregando in casa senza stipendio, se vogliono andare loro, pagati il giusto, a lavorare nei campi? Perché non lo chiedete agli studenti che non possono andare a scuola? Voi siete dei criminali di Stato.

Follia allo stato puro. Avevamo milioni di disoccupati già prima. Ce ne saranno decine di milioni dopo. E questi scellerati importano ‘lavoratori’ dall’estero. Oltretutto in piena epidemia. Criminali. Per quanto ancora tollereremo questo governo di incapaci?

Ovviamente plaude all’iniziativa Ettore Prandini, presidente della Coldiretti, questi amano pagare i braccianti quattro soldi, snobbando gli italiani, e poi spacciare i propri prodotti per ‘italiani’, quando di italiano hanno solo la terra: «Bisogna raggiungere l’accordo con i governi dei Paesi dell’Est Europa perché riprenda l’arrivo dei loro lavoratori nei campi italiani. Con questi Paesi dobbiamo concordare un piano di garanzia della sicurezza e della salute dei lavoratori, in modo tale che quando rientreranno nel loro Paese d’origine non dovranno essere sottoposti alla quarantena».

Quindi importiamo senza controlli una massa di immigrati da paesi dove non ci sono controlli sull’epidemia, invece di far lavorare disoccupati italiani. Siamo al crimine contro l’Italia.

In tutto questo, quasi totale silenzio dell’opposizione che non va oltre la contestazione dell’iniziativa.

E poi: noi chiusi in casa e i romeni liberi di entrare in casa nostra? L’epidemia esiste o è tutta una bufala? Perché se voi fate entrare migliaia di sconosciuti e li fate muovere sul territorio mentre a noi viene imposta la quarantena, viene il dubbio. Non siete normali. Siete una congrega di scellerati.




5 pensieri su “Milioni di disoccupati e il governo importa lavoratori dalla Romania – VIDEO”

  1. I rumeni sono bravi nella pietra faccia a vista, muri a secco, dovrò approfittarne per sistemare finalmente il mio eremo. Quei pochi che hanno voglia di lavorare si intende, tuttavia a parte che gli italiani questi lavori non li vogliono più eseguire, veramente i prezzi si dovrebbero calmierare (non a caso un idea del nostro Duce) in quanto la diversità abissale nei prezzi nei capitolati crea disoccupazione italiana. Comprensibilissima la scelta del committente di optare per gli stranieri in caso di forbice consistente.

  2. In Cina ha riniziato lo sterminio di cani, pipistrelli e altri animali selvatici.
    Questi non contenti di aver provocato una pandemia mondiale ci riprovono.
    Insieme all’India insensibili alle tematiche ambientali, maggiori inquinatori, spetta anoi evitare di comprare prodotti cinesi. Evitate di comprare al supermercato prodotti tedeschi, francesi e olandesi.
    Compriamo Prodotti Italiani , siutiamo le nostre Aziende.

  3. In Cina ha riniziato lo sterminio di cani, pipistrelli e altri animali selvatici.
    Questi non contenti di aver provocato una pandemia mondiale ci riprovono.
    Insieme all’India insensibili alle tematiche ambientali, maggiori inquinatori, spetta anoi evitare di comprare prodotti cinesi. Evitate di comprare al supermercato prodotti tedeschi, francesi e olandesi.
    Compriamo Prodotti Italiani , aiutiamo le nostre Aziende.

Lascia un commento