PD propone di vietare i messaggi vocali, poi: “Era uno scherzo”

Condividi!

Il deputato del Pd aveva rilanciato sui social la proposta “Nel prossimo Dpcm serve assolutamente una norma per limitare l’uso dei messaggi vocali. Ne va della tenuta democratica del Paese”. Scritto così alla maggior parte è parso tutto tranne che uno scherzo e così a replicare ci ha pensato Matteo Salvini. “Non ho parole. Chiusi in casa e col bavaglio, perché il PD ha paura dei MESSAGGI VOCALI??????? P.s. Questi sono al governo e hanno tanta voglia di scherzare…”.

Immediata la risposta del piddino: “Scrivo un tweet proponendo scherzosamente di limitare l’uso dei messaggi vocali (una tortura). Matteo Salvini ,unico in Italia, non lo capisce e fa un post indignato accusando me e Nicola Zingaretti di voler mettere il bavaglio al paese. E questa volta nemmeno ha la scusa del mojito”. Una dichiarazione che non ha lasciato impassibile un altro leghista, Antonio Maria Rinaldi, che con una frase ha liquidato Orfini: “Chiediamogli scusa, lui infatti scherza sempre!”.

Siamo sicuri fosse uno scherzo?

Nasce l’Ufficio per la Censura: così il PD vuole silenziare i dissidenti per nascondere la Strage di Stato




Un pensiero su “PD propone di vietare i messaggi vocali, poi: “Era uno scherzo””

Lascia un commento