Conte si perde un migliaio di infetti: liberi di andare nei supermercati

Condividi!

Una rivolta silenziosa contro il regime del DPCM. Gli italiani escono di casa, consapevoli che il virus non si annida per strada, ma negli assembramenti.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ieri le forze di polizia hanno controllato 254.959 persone e 93.064 esercizi commerciali e attività. Le persone sanzionate per i divieti sugli spostamenti sono state 8.187; quelle denunciate per false attestazioni nell’autodichiarazione sono state 83 e quelle denunciate per violazione della quarantena 30. I titolari di esercizi commerciali sanzionati sono stati 136 e 29 i provvedimenti di chiusura delle attività. Lo indica il Viminale. Dall’11 marzo, data d’inizio delle prescrizioni, sono state controllate complessivamente 4.630.583 persone e 2.040.055 esercizi commerciali. I denunciati sono stati oltre 173mila.

Intanto, però, Giuseppi si perde quelli che davvero sono pericolosi.

Quelli per violata quarantena negli ultimi 9 giorni sono stati 384: rischiano il carcere da uno a 4 anni per aver attentato alla salute degli altri cittadini.

Questo significa oltre mille dall’inizio della quarantena. E tenendo conto che quelli individuati saranno 1/10 di quelli sfuggiti, ecco come si diffonde il virus. Vere e proprie bombe epidemiche.

Invece di pensare alle mamme con passeggino, controllate come si deve i contagiati. Invece di fidarvi della ‘quarantena fiduciaria’.




Lascia un commento