Clandestini violano quarantena e sputano in faccia a Carabinieri

Condividi!

Il pakistano, a Udine, era stato fermato dai carabinieri e, per tutta risposta, ha reagito aggredendoli.

VERIFICA LA NOTIZIA

La vicenda è avvenuta dopo l’intervento per la segnalazione di un assembramento immotivato di immigrati.

Gli agenti hanno identificato due fratelli rispettivamente di 25 e 28 anni, entrambi cittadini pakistani ed entrambi pregiudicati, senza fissa dimora e irregolari sul territorio nazionale.

A dare più problemi il più giovane di questi che non solo ha malmenato i carabinieri, ma ha anche sputato in faccia a uno di loro.

L’immigrato, poi, ha anche danneggiato l’interno dell’automobile usata per portarlo in caserma. Così i due non solo sono stati denunciati per non aver osservato il divieto di ritorno nel comune di Udine e il decreto di espulsione dal territorio nazionale, ma hanno anche ricevuto una sanzione amministrativa per essere stati scoperti in strada senza validi motivi.

Rimandarli in Pakistan, nonostante siano clandestini? No.




5 pensieri su “Clandestini violano quarantena e sputano in faccia a Carabinieri”

  1. Strano contagio dentro il carcere di Genova. Un anziano di 78 anni in isolamento da un mese si è ammalato di coronavirus. A quell’età in isolamento, per un mese poi? Chissà cosa avrà combinato.

  2. Denunciati e sanzione amministrativa che, naturalmente, non pagheranno.

    Non possiamo continuare a leggere all’infinito questo tipo di notizie in danno dei nostri agenti sempre sbeffeggiati, vilipesi e feriti senza che gli autori vengano puniti.
    Se uno è pakistano e oltraggia dei carabinieri – consapevole di non essere punito – fa qualcosa che rientra nella sua logica aberrante; uno Stato che non tutela e non fa rispettare i propri agenti evidenzia irresponsabilità ed inefficienza del suo apparato.
    Dobbiamo prendere atto del fatto che sussiste una grave carenza nella nostra legislazione ed in generale nell’apparato giurisdizionale che è chiamato ad applicare le norme.

Lascia un commento