Buoni spesa solo agli ‘antifascisti’, Pizzarotti faccia di bronzo: “Un errore”

Condividi!

Ieri la notizia che per richiedere l’accesso ai bonus spesa era necessario dichiararsi antifascisti:

A Parma non ti dichiari antifascista? Comune ti nega i buoni spesa

Il sindaco Federico Pizzarotti ha parlato di un errore: “In merito ai bonus spesa – ha scritto il primo cittadino su Facebook – è stato erroneamente inserito parte di regolamento che vale per la richiesta di sale civiche, patrocini e contributi per attività ed eventi (come se in questo caso fosse normale in una democrazia ndr…). In questa parte c’è scritto che se professi xenofobia, razzismo e nazismo non puoi beneficiare di sale civiche, contributi o patrocini dal Comune di Parma. Da noi è così e rimarrà così”.

Pizzarotti ha quindi chiarito che la clausola antifascista “non vale per i bonus spesa, si correggerà l’errore”: guarda caso però è stata necessaria un’interrogazione parlamentare presentata da Fratelli d’Italia per fare uscire allo scoperto il sindaco. Anzi, quest’ultimo ha avuto anche la faccia tosta di sostenere che la Meloni è “nota dispensatrice di bufale” e che a Parma “nessuno viene lasciato indietro”.

Roba da matti.




3 pensieri su “Buoni spesa solo agli ‘antifascisti’, Pizzarotti faccia di bronzo: “Un errore””

  1. Ma qua abbiamo la pistola fumante, la copia di quello che lui ha scritto, quale bufale della Meloni! (io lo citerei) Girarsi la frittata non serve, anzi è ancora più in una situazione di merda perché vuol dire che non presta attenzione a quello che fa, a quello che scrive su un documento pubblico e va (andrebbe) subito destituito.
    A volte, come era successo a Genova, una svista da parte di un sindaco è costata la vita a diverse persone in una alluvione. Il primo cittadino non può permettersi sviste. Gravissimo.

  2. Il precedente creatosi può essere sfruttato, un giorno, a fin di bene: chi negli ultimi decenni ha supportato attivamente l’immigrazione non ha gli stessi diritti del resto della cittadinanza. Certo, ci vuole prima un partito che abbia al centro del suo agire la preservazione del proprio Popolo, e che vinca le elezioni.

Lascia un commento