PD vuole punire chi ammaina le bandiere UE – VIDEO

Condividi!

IL SIMBOLO DELL’OCCUPAZIONE VA RIMOSSO

Anche l’Abruzzo ha preso parte alla rivolta delle bandiere: sindaci e amministratori locali hanno ammainato il vessillo dell’Unione europea per protestare contro l’immobilismo di Bruxelles nella gestione del Coronavirus.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’ira della sinistra: “Semina odio e divisioni”. Sospiri (Forza Italia) non si pente: “Sono stato troppo garbato, dovevo ripiegarla e lasciare solo il tricolore”.

Quando l’Europa tornerà ad essere la Patria che abbiamo sognato per tutti i popoli anche la sua bandiera in Consiglio regionale tornerà alla stessa altezza di quella Italiana.

Posted by Lorenzo Sospiri on Wednesday, April 1, 2020

“Come eurodeputati Pd abbiamo scritto al ministro degli Interni Lamorgese per chiedere di intervenire e far rispettare la legge”, dice Brando Benifei, capodelegazione degli eurodeputati dem. “Tra di loro”, prosegue Benifei, c’è anche Sospiri, “in merito al quale abbiamo chiesto a Berlusconi e Tajani di dire chiaramente da che parte sta Forza Italia in materia di Europa. Non possono continuare con un atteggiamento ambiguo, professandosi europeisti mentre strizzano l’occhio a Orban e a chi compie gesti del genere”. Secondo Benifei, infatti, “si tratta di gesti gravissimi che non rendono giustizia al nostro impegno in Europa in queste ore drammatiche, orientato a superare resistenze ed egoismi degli Stati membri. Serve serietà e responsabilità da parte di tutte le forze politiche”, conclude.

Sulla stessa linea il M5s, che ricorda anche il video di Fabio Rampelli, deputato di Fratelli di Italia, “che toglie la bandiera dell’Unione europea per riporla in un cassetto”, mentre “si susseguono altri appelli sui social e su whatsapp in cui addirittura si invita a bruciare il vessillo dell’Ue”, dice il deputato pentastellato Filippo Scerra.

Il presidente del Consiglio regionale d’Abruzzo però non si è pentito del gesto. Anzi, si è detto amareggiato per essere stato troppo garbato: “Non la dovevo ammainare, dovevo proprio ripiegarla e lasciare solo il tricolore, ma diciamo che do speranza all’Europa di ritrovare se stessa e di aiutare i propri popoli a ripartire”. Sospiri infine ha lanciato un durissimo attacco verso il Partito democratico, alla luce anche delle scuse di Ursula von der Leyen: “Dicono loro, ricordo agli eurodeputati del Pd che noi eravamo in Consiglio regionale, di persona non come loro al calduccio a casa, per approvare una legge con misure economiche per l’Abruzzo. Chissà per quale ragione allora si sarà scusata con l’Italia la presidente Ursula von der Leyen?”.

Il PD h ragione. Non si ammaina la bandiera UE. La si brucia.




4 pensieri su “PD vuole punire chi ammaina le bandiere UE – VIDEO”

  1. comunque rispondo io, forza italia (berlusca e pochi altri!!!) sta con la UE percio’ il berlusca non ha piu’ un cazzo di voto, ma lui ovviamente lo fa nei suoi interessi e negli interessi delle sue aziende, tajani non conta un cazzo per cui se non sta con il berlusca va a dare a mangiare ai piccioni nel parco…. gli italiani tranne i finocchi del pd della UE ne hanno le palle piene…..

  2. Io ai miei tempi ho giurato sulla Bandiera Italiana. Non su uno straccio blu. Una volta ho persino conosciuto uno che si è rifiutato di giurare sulla bandiera della repubblica perchè aveva già giurato una volta sulla bandiera del Re.

  3. Esatto la bandiera è solo quella italiana, l’Europa o ci aiuta o si tolgono i simboli di riferimento. Il PD mi stupisce (si fa per dire) perché nessuno può essere discriminato per la sua opinione, purché non sia in contrasto con la loro. Inoltre hanno tolto con estrema facilità tutti i simboli cristiani dai luoghi pubblici ed hanno giudicato razzisti chi si opponeva. Per fortuna che la sinistra è il partito dei diritti, della gente povera, affinché tale rimanga e dei deboli…di testa. Che Dio ci aiuti e non è solo una serie televisiva.

Lascia un commento