Immigrati ad agente: “Anche se ha ucciso non toccarlo, razzista” – VIDEO

Condividi!

Quello che sta accadendo in questi giorni, con immigrati liberi di bivaccare, spesso davanti alle forze dell’ordine inermi, non deve sorprendere. Arriva da lontano.

Sentono di potersi permettere tutto. Ricordate questo video:

“Razzisti del cazzo”, urla nel video l’immigrato in faccia all’agente, mentre un altro lo spintona. I due sferrano pugni resistendo all’arresto mentre gli altri immigrati osservano, pronti ad intervenire.

Roma,Porta Maggiore.Noi non dimentichiamo queste scene,chi semina scompiglio nelle nostre strade evitasse di farci la morale dicendo :”Anche se lui ha AMMAZZATO,tu non devi toccarlo!” ma stiamo SCHERZANDO?!?.Onore alle nostre forze dell’ordine che diligentemente affrontano questi episodi,mantenendo la calma e gestendo la situazione!PUGNO DURO con chi sbaglia e fa casino,qui ora ci sono delle regole e vanno rispettate!🇮🇹

Posted by Lega Studenti Roma Nord on Tuesday, April 2, 2019

“Anche se lui ha ammazzato, tu non devi toccarlo”. E: “Razzisti del cazzo”. Lo straniero, poi, tira prima uno spintone all’agente, quindi gli sferra un pugno dopo l’altro. I colpi non vanno a segno e viene arrestato.

Sono fin troppo evidenti da anni gli effetti della propaganda antirazzista. Questi fanno presto ad imparare le parole d’ordine della ‘vittima’ eletta.




11 pensieri su “Immigrati ad agente: “Anche se ha ucciso non toccarlo, razzista” – VIDEO”

  1. Guardando il video devo affermare che è stato veramente coraggioso quell’agente che ha tenuto testa a quell’energumeno.
    E’ necessario comunque cambiare le regole di ingaggio. Gli agenti devono essere legittimati ad un uso disinvolto delle armi in caso di soggetti ribelli alla forza pubblica.
    Faccio presente che negli USA le vittime di agenti armati sono all’80 percento afroamericani, sovente vittime di agenti di polizia afroamericani. Il rimanente 20 percento di vittime sono ispanici e caucasici.
    Gli afroamericani – in USA – sono gli unici che non hanno capito che se sei armato e minacci un agente puoi essere abbattuto, gli altri in linea di massima lo hanno capito. Da qui la prevalenza di vittime afroamericane.

  2. La ue con le sue leggi del caxxo e i soldatini delle ong che mentre li vanno a raccattare nel culo del mondo, infondono loro la consapevolezza che in Italia, in particolar modo, ma ovunque vadano, la loro pelle color merda equivale ad un pass a delinquere, un’immunità doplomatica senza averne i requisiti (già ci chiediamo quanto siano legittimi a livello morale quelli che possono servirsene ricoprendo il ruolo!) Tanti piccoli miserabili che hanno gli stessi privilegi dei servizi segreti (altri nemici del popolo) Neutralizzare tutti i codici del c.p. e civile soltanto perché scesi da una disgustosa bagnarola. Ecco quali sono i principi di chi ci comanda… bruciare le bandiere ue?… e a che scopo se tutto poi rimane invariato e… avariato?

  3. Ma tanto non gli fanno niente,una notte in galera se gli va male,poi e subito fuori,capisco anche le forze dell’ordine che ad un certo punto se ne fregano,tanto arrestarli rischiando il culo e non serve ad un cazzo,c’è il solito giudice rosso che li rimette subito in libertà.
    La sinistra governa l’italia controllando la magistratura,questa è la prima cosa da sistemare quando salvini e la meloni andranno al governo.

Lascia un commento