Boldrini vuole cambiare l’autocertificazione: “ci vuole il femminile”

Condividi!

https://www.facebook.com/silviasardone/photos/a.667509186682960/2480932408673953/

Nemmeno 13.155 morti le hanno aperto il cervello.

Ieri l’ex presidente della Camera ha rilanciato l’iniziativa già sbeffeggiata nei giorni precedenti delle cerebrolesse di Non una di meno, sulla necessità inderogabile di modificare l’autocertificazione per gli spostamenti in modo “genderless”, eliminando la declinazione al maschile e sostituendola con degli asterischi.

Anzi, la Boldrini al posto degli asterischi vorrebbe la doppia declinazione o/a, maschile-femminile: “Ancora non scatta questo automatismo, c’è il genere maschile e quello femminile, ma io sono ottimista: ci si arriverà. Non costa nulla inserire una cosa come o/a, così da non far sentire nessuno escluso. Ma si fa ancora molta fatica a recepire questo semplice concetto”.

Un semplice concetto: trovati un lavoro vero.




9 pensieri su “Boldrini vuole cambiare l’autocertificazione: “ci vuole il femminile””

  1. Questa ha davvero rotto il cazzo!
    Con quello che succede te ne esci con ste troiate????
    Te e i tuoi compari volete davvero fare la fine di Mariantonietta???
    Porca troia e la paghiamo pure un botto solo x esistere!!!

  2. Ma che si vergogni ipocrita. Su tutti i femminicidi commessi da mano italiana e straniera, non ha mai avuto un minimo sdegno e nemmeno sulle scarcerazione facili. Non ha mai accusato di eccessiva leggerezza, le sentenze emesse da certi magistrati, con cui ammazzano per una seconda volta la vittima. Perché si perde del tempo con una come lei?

Lascia un commento