Parenti alla ricerca di 350 morti portati via da Bergamo per la cremazione

Condividi!

In due settimane sono state oltre 350 le salme trasportate fuori della Bergamasca per essere cremate.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ora, in ritardo, il Comune di Bergamo ha messo a disposizione un numero di telefono per i parenti che chiedono informazioni.

“Ogni passaggio, ogni trasferimento – ha assicurato l’assessore ai Servizi Cimiteriali Giacomo Angeloni – è seguito e documentato con appositi registri e atti. Nessuno sarà lasciato solo”.

Dovrebbero essere le pompe funebri a informare i parenti dei defunti ma la situazione è eccezionale: sono passati da cinque, sei funerali al giorno a oltre 30 e il Centro funerario bergamasco che normalmente si occupa di 1300 defunti all’anno ne ha eseguiti più di mille in un mese. Da qui la decisione di mettere a disposizione un filo diretto dal lunedì al venerdì.




2 pensieri su “Parenti alla ricerca di 350 morti portati via da Bergamo per la cremazione”

  1. Prima di corona chan gli italiani nullatenenti venivano gettati come spazzatura ma quando arrivavano i negri c’erano bare e carri funebri x i morti tra loro, adesso non é cambiato un cazzo se non che anche coi soldi ti buttano via!

Lascia un commento