Documento incastra governo: sapeva dell’epidemia da inizio Gennaio

Condividi!

Il Coronavirus stava per travolgerci. Il governo era al corrente del pericolo ma litigava per il festival di Sanremo. Questa l’accusa, supportati dai fatti, di Libero.

VERIFICA LA NOTIZIA

Cinque gennaio 2020.All’attenzione del governo un documento di tre pagine dal titolo inquietante: «Polmonite da eziologia sconosciuta». Ovvero: cause sconosciute. E’ l’inizio certificato dell’epidemia di cui viene data notizia in Italia.

Ne abbiamo parlato:

Coronavirus: il 5 gennaio esperti avvisarono governo, ma nessuno agì

Eppure, lo stesso giorno, invece di iniziare una furiosa corsa a prepararsi al peggio, Cinque Stelle, Pd, Italia Viva e Leu – i partiti che formano l’ esecutivo – preferiscono protestare con la Rai per la possibile esclusione dal “festival dei fiori” della prezzemolina palestinese Rula Jebreal.

Da lì a un mese i “compagni”, ancora indifferenti all’ arrivo della più grande sciagura dal dopoguerra, insulteranno Zaia, Fontana e i colleghi del Nord per aver chiesto una mini quarantena per gli studenti rientranti dalla Cina.

Ventotto febbraio. Enrico Bucci, professore di biologia dei sistemi alla Temple University di Filadelfia, sul suo blog “Cattivi Scienziati” evidenzia che nell’ ultima settimana del 2019, all’ ospedale di Piacenza – a pochi chilometri dal focolaio di Codogno – c’ erano già stati 40 ricoveri per polmonite, «un picco assolutamente anomalo e già all’ epoca giudicato eccezionale e indipendente da inquinanti o altre condizioni specifiche. Retrospettivamente» aggiunge il professore nell’ analisi pubblicata un mese fa «sulla base di ciò che sappiamo dei sintomi causati dal Coronavirus, la cosa non poteva che destare ovvi sospetti: e infatti è risultato che molti “vecchi” pazienti di polmonite oggi presentano anticorpi contro il Coronavirus, a dimostrazione del fatto di essere stati a suo tempo infettati».

Ai primi di febbraio l’ Istituto superiore di sanità si riunisce almeno tre volte. Alle riunioni, lo riporta il Fatto Quotidiano, partecipa anche il professor Antonio Pesenti, direttore di rianimazione al Policlinico di Milano, il quale avvisa che in caso di contagio le terapie intensive andranno in sofferenza: purtroppo è stato facile profeta. Nel frattempo il ministro dell’ Economia Gualtieri annuncia: «Vedrete che il Pil salirà». Previsione azzeccata Robbè! Veniamo a oggi. Il sito dell’ università di Padova dà notizia di uno studio firmato da 16 ricercatori in base al quale il primo caso confermato di Covid-19 in Lombardia risalirebbe al primo gennaio.

Gli autori, coordinati da Danilo Cereda (dg Welfare della Regione Lombardia), Marcello Tirani (Agenzia per la tutela della salute di Pavia) e Francesca Rovida (Policlinico “San Matteo” di Pavia), riportano l’ analisi dei primi 5.830 episodi confermati di Covid in Lombardia dall’ inizio dell’ anno all’ 8 marzo. Il lavoro è disponibile su ArXiv, un database ad accesso libero che comprende opere di ricerca nella versione in cui sono state sottoposte alla revisione delle riviste scientifiche.

Insomma. Come già abbiamo scritto, hanno avuto mesi di tempo per preparasi all’epidemia. Non hanno fatto nulla:

ISS accusa Governo: “Chiesti respiratori, ha aspettato 1 mese per ordinarli”

Invece di ordinare mascherine e respiratori, e riconvertire produzioni in prodotti sanitari, questo governo pensava al ‘razzismo’. Hanno diecimila morti sulla coscienza. Alla fine ne avranno decine di migliaia. Devono pagare.




7 pensieri su “Documento incastra governo: sapeva dell’epidemia da inizio Gennaio”

  1. Io non ho capito… questo documento, che portava la data di gennaio, riguardante l’avviso di un focolaio di polmonite di origine sconosciuta, da chi era stato inviato e a chi esattamente era stato trasmesso?
    Forse la risposta sta nel vecchio thread, perché la “verifica della notizia” non si apre…

    1. Io non ho capito… questo documento, che portava la data di gennaio, riguardante l’avviso di un focolaio di polmonite di origine sconosciuta, da chi era stato inviato e a chi esattamente era stato trasmesso?
      Forse la risposta sta nel vecchio thread, perché la “verifica della notizia” non si apre…

  2. Dal vecchio servizio risulta che sia stato il ministro speranza ad inviare la circolare allo Spallanzani e sicuramente ad altri ospedali, ma non mi è ancora chiaro chi avvisò lo speranza. Sarò tarda, pazienza.

  3. Quando qualcuno disse che moriremo di antirazzismo non era nel torto. L’antirazzismo va combattuto. Non certo per tornare al razzismo volgare e squallido, ma per un razionale discernimento delle differenze tra i popoli e riconoscimento che un africano o un cinese, anche se impara a parlare in un dialetto italiano, non sarà mai italiano.

    1. Non credo ne esistano di varie tipologie. Il razzismo è razzismo, che poi i concetti si esprimano più o meno educatamente o con parole forbite… io sono di bocca buona, i sani princìpi li accetto in qualunque forma, verbale e fisica.

Lascia un commento