Costa Diadema scaricherà a Piombino: pericolo infetti Coronavirus a bordo

Condividi!

Concentrare migliaia di sardine in una città galleggiante è la sintesi della non civiltà pre-coronavirus. E uno dei simboli del perché siamo nella situazione in cui siamo.

Nelle prossime ore la nave Costa Diade-
ma attraccherà al porto di Piombino
“dove si procederà a tutte le verifiche
sanitarie, agli eventuali isolamenti e
ricoveri, secondo le procedure strin-
genti previste dal decreto intermini-
steriale MiT-Ministero della Salute,
recante misure per le navi da crociera
attualmente in viaggio”.

Lo comunica la ministra Infrastrutture
e Trasporti. La nave attendeva l’at-
tracco a Civitavecchia ma nel frattempo
si è verificato un caso a bordo con
sintomi simili a Covid-19.

Le navi da crociera, già prima dell’epidemia erano bombe epidemiche di un turismo dozzinale, andrebbero affondate. Chi è andato in crociera dopo lo scoppio dell’epidemia in Cina meriterebbe di essere lasciato vagare nell’oceano per anni. Le società che non hanno fermato le crociere messe sotto inchiesta.

Farli sbarcare in Italia, nonostante ormai l’equipaggio italiano si una minoranza è un ulteriore attentato alla salute pubblica.

E poi, perché a Civitavecchia no e a Piombino si? Una punizione perché hanno votato Lega dopo decenni di sinistra?

Ps. Ovviamente l’equipaggio italiano va sbarcato, con tutte le precauzioni possibili da fare pagare alla multinazionale.




4 pensieri su “Costa Diadema scaricherà a Piombino: pericolo infetti Coronavirus a bordo”

  1. Questa è l’ennesima conferma che non lo vogliono fermare, anche a Genova sono sbarcati da una nave da crociera, ma che era partita da un porto lontanissimo. Il fatto che non le sospendano sapendo che sono letali un altra prova…quante ne vogliamo? Ancora? Avidi.
    Eccola: fare la spesa è considerato un veicolo di contagio, visto su rai1 nel pomeriggio, pubblicità per “evitare” il covid, eppure non lo dicono apertamente. Guardatela, ci sono dei pallini che da trasparenti diventano gialli passando accanto ad altri positivi, sempre dello stesso colore e questo accade anche al supermercato. Peccato che lascino anche aperta l’aria condizionata… per sicurezza che ci infettiamo, non sia mai che uno se la possa cavare. Poi le altre situazioni sono camminare per strada, correre…

    1. Alcuni errori sono talmente marchiani, ma soprattutto, insistenti, che qualche dubbio inizia a venire sulla reale volontà, non dirò di fermare il covid, che ormai è impossibile e si sa, ma almeno a rallentarlo per evitare il famigerato effetto gregge di massa.

Lascia un commento