Infermiera accusa Conte: “Eroi? Ci dia le mascherine”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
“Di mascherine ce ne consegnano una a testa, per tutto il turno. Quando arrivi in ospedale trovi quelle di tipo FFP2 dentro una busta, una per ogni operatore presente. La indossi e poi non puoi più cambiarla”. E siete tra i fortunati, alla maggior parte ne danno una a settimana.

A parlare è un’infermiera che cura i paziente ricoverati in terapia intensiva per il coronavirus al Policlinico Tor Vergata di Roma, una struttura ora interamente in un Polo Covid nel Lazio.

E quello che proprio non le va giù è la retorica di chi ne esalta il coraggio dei sanitari senza poi fornirli dei materiali adeguati a combattere l’epidemia: “Lo dico anche al premier Conte. Mi considera un eroe? Allora mi dia le armi per combattere questa battaglia”.

“Non possono mandarci con i sassi contro i carri armati. Qui è il caos. Se vogliamo fermare il virus, devono fornirci protocolli chiari, farci formazione, aggiornare le disposizioni ormai superare e garantire mascherine in maggiore quantità”.

Perché è così. E’ inutile vietare alla gente di uscire di casa. Il virus si diffonde attraverso gli ospedali per i mezzi inadeguati forniti al personale sanitario. Che poi esce, e dà il via al contagio. Contagio che passa anche attraverso pazienti per altre patologie – che non finiscono mica perché c’è il coronavirus – e si infettano negli ospedali.

Non di passeggio moriremo. Ma dell’idiozia di chi sapeva tutto dal 3 gennaio e non ha fatto un cazzo.




Un pensiero su “Infermiera accusa Conte: “Eroi? Ci dia le mascherine””

  1. Ora la cosa più importante (escludendo il lato sanitario della vicenda) ,sarebbe fare muro contro la costruzione revisionista, per la quale deve essere partito l ordine dal Minculpop (ma guarda!!) Di Casalino il Conte , secondo la quale dovremo essere grati a questo governo di citrulli assassini. Non so come si possa fare , ma l indignazione la percepisco ovunque. Anche a costo di qualche rischio a tempo debito , adunanze di massa dovranno destituiti e cacciarli a furor di popolo

Lascia un commento