Profugo: “In Italia si guadagna poco, torno in Africa”

Condividi!

E’ per mantenere gente come lui che i nostri anziani muoiono perché non ci sono posti in terapia intensiva.

VERIFICA LA NOTIZIA
Questo sedicente profugo proveniente dal Burkina Faso – dove non esistono guerre – da anni mantenuto a spese degli italiani, ha manifestato delusione decidendo di tornare al suo paese (cosa che si spera abbia fatto realmente).

Nel frattempo ha ingravidato una sfigata del posto. Una tipo la moglie di Oseghale: ecco perché andrebbero sterilizzati gli individui con un QI sotto la soglia minima, perché danneggiano la società. E loro stessi. Ma non si può fare, sarebbe qualche -ismo che adesso non ci sovviene.

L’intervista al profugo deluso è uno spasso.

Perché hai deciso di venire in Italia?

Stavo studiando e non tutti hanno questa possibilità in Burkina Faso, io ho avuto questa opportunità. Ero un delegato dell’Università, ma nel 2007 è stato ucciso un giornalista, ogni anno gli alunni organizzano una manifestazione in suo ricordo e spesso ci sono scontri con le forze dell’ordine e danneggiamenti. Dei danni provocati dagli studenti siamo stati incolpati noi delegati, eravamo in 7, alcuni sono stati arrestati, ho preso la decisione di scappare perché ero ricercato. I miei genitori mi hanno spinto a lasciare il Paese.

Quindi è in Italia per fuggire il carcere.

Ad un certo punto avete deciso di attraversare il mare

Quando siamo arrivati sulla spiaggia io ero l’ultimo che è entrato sul gommone, io ero nel primo gommone, il mio amico era nel secondo. Siamo partiti alle 9 di sera, il giorno dopo la benzina del nostro gommone è finita, loro invece hanno continuato, noi eravamo dispersi, c’era un elicottero che girava sopra di noi. Sono arrivate due navi grandi, ci hanno salvato. Ci hanno portato prima a Lampedusa e poi a Caltanissetta, dove i migranti hanno litigato e distrutto il campo di accoglienza del Ministero dell’Interno.

Cosa hai fatto a partire dal 2011?

Ho fatto tanti corsi a Giarre, di mediatore culturale, sanitario, pizzaiolo, ristorazione, ma alla fine mi ha aiutato l’imprenditore Filippo Immè, che mi ha fatto fare un tirocinio.

Com’è andata la tua pratica nella commissione ministeriale?

Io ho ricevuto il diniego, sono qui grazie all’avvocato Riccardo Campochiaro, che ha vinto il ricorso facendomi ottenere la protezione sussidiaria.

Dopo quasi otto anni, cosa ne pensi dell’Italia?

Quello che pensavo dall’Italia non è quello che sto vivendo, pensavo a una vita migliore, ma ancora non mi sono integrato. Se lavori non ti pagano, ho fatto tutti i corsi. Se i cittadini decidono di accoglierti, ti aiutano, ma stiamo qui facendo i corsi e nessuno ci aiuta concretamente io da un lato sono deluso, dall’altro sono contento perché ho avuto mia famiglia e non finirò mai di ringraziare sua madre, che è la donna più corretta, che mi ha dimostrato un amore grande. A lei auguro tutte le fortune

Il tuo futuro?

Penso di tornare tra qualche anno nel mio Paese, io sono il primo figlio, mio padre sta diventando grande, io devo prendere tutte le informazioni per sostenere la mia famiglia dopo mio padre. Ho lottato per il mio futuro in Italia, ma adesso sono molto deluso.

In sintesi: questo è venuto qui, il Pd l’ha trasformato nel solito finto profugo grazie ad un avvocato impegnato nel business dell’immigrazione, imprenditori affaristi lo hanno assunto al posto di italiani in una zona dove il 50% dei giovani è disoccupata ed emigra, e ha ingravidato una sfigata locale.

Poi, l’anno scorso, visto che la pacchia era finita, è tornato da dove era fuggito. Perché non aveva motivo di farlo. Non vi sentite presi un po’ per il culo?




10 pensieri su “Profugo: “In Italia si guadagna poco, torno in Africa””

  1. per costituzione va detto che uno è italiano solo se lo sono entrambi i genitori, se uno del burundi viene adottato da italiani, sempre con cittadinanza del burundi rimane…se una scrofa comunista si fa ingroppare dal negro di turno e ,,,,,,,,,,,,, figlia, suo figlio non deve essere italiano ne avere i nostri diritti, ieri ho litigato on un mio amico sindacalista che rompe il cazzo con i diritti dei negri, non hanno un cazzo di diritto per il semplice motivo che i loro diritti non possono essere miei obblighi come pagare tasse per mantenere sti parassiti idioti ed arricchire le coop rosse, queste hanno fatto fallire le banche dove migliaia di coglioni del pd vecchi rincoglioniti, che il virus se li porti via, hanno messo i loro risparmi vedasi le banche rosse, fallite queste per mantenere branche di deficienti che
    votano a sinistra, hanno ideato l’accoglienza…io ho il diritto di pagare le tasse per mantenere il mio livello sociale, non per vedermelo ridotto, il nostro benessere proviene da molto lontano, dal sacrificio di chi ci ha preceduto, padri e nonni, ai negri cosa cazzo dobbiamo??…..ma vaffanculo

      1. cosa c’entra , amico uno è amico se poi ha idee del piffero sono e restano solo le sue!, ho molti amici preti che mando serenamente affanculo quando parlano di accoglienza….. manda affanculo anche preti di 80 e passa anni… poi al bar se si parla d’altro non si litiga!

    1. Concordo, il problema dei figli misti è evidente. Non so come facciano certi nonni ad accettare che le loro figlie gli portino a casa bambini con tratti di colore e si arrabbino pure con chi gli fa notare. Conosco alcune donne, e non necessariamente scrofe, che hanno figliato con questi esseri e guai solo a dire mezza parola. Il mondo alla rovescia, in un mondo normale come era fino a pochi decenni fa rimanevano nascoste per non incorrere nell’indignazione pubblica, ora si rischia il linciaggio solo a dire che certi rapporti sono inappropriati e sconvenienti.

  2. Questa storia ci insegna 2 cose: che bisogna investire in sottomarini o altri piccoli natanti subacquei ed intercettarli per primi in mezzo al mare e poi che l’antico libricino con i bordi color oro e la copertina nera dev’essere aggiornato con tutti i nomi di questi generosi personaggi, cosicché quando avremo l’opportunità, potremo conferire loro la giusta onorificenza.

  3. in genere sono cessi intrombabili, non ho mai visto una bella figa con un beduino o un negro……vanno dal quintale in su!, poraccie, ma non perchè pesano un quintale, perchè non hanno cervello!

  4. Comunisti patronati ,assoc sindacali lavorano contro il popolo italiano.
    Nel mio piccolo li evito come evito di comprare in negozi gestiti da islamici che non pagando tasse fanno prezzi stracciati rispetto ai negozi italiani che pagano le tasse.
    Per il resto l’ europa e’ in mano a satanisti psicopatici legati al gruppo bildelberg e i governanti itaioti non eletti che siedono adesso in parlamenyo sono dei traditori definiti dai sionisti ” gentili “.

Lascia un commento