Scanzi sul coronavirus: “Non è una malattia mortale, uscite”

Condividi!

“Questa non è una malattia mortale, porca di una put***, tr***” ladra”. Un esordio, quello della firma del Fatto Quotidiano, che fa indignare e non poco. “Cosa state a casa? Pensate che si va in guerra? Con il coronavirus non succede una se** nel 99,7 o 8 per cento”.

“Perché vi viene un piccolo ca*** di raffreddore vi preoccupate? Avete bisogno della Nutella per sopravvivere alla quarantena”.

“Sono inc**** nero con la deficienza dei giornalisti che vanno in giro con amuchina e mascherina. Non è una pandemia. Mi sono visto annullare tutte le date a teatro”.




10 pensieri su “Scanzi sul coronavirus: “Non è una malattia mortale, uscite””

  1. Non è poi che abbia torto. Montanari ha detto che portare la mascherina è indice di idiozia e lo è anche immaginare di poter “combattere” un virus (che probabilmente TUTTI abbiamo nell’organismo) rintanandosi in casa: se fosse così allora dovremo rimanere chiusi in casa per sempre (se abbiamo paura di un’influenza) oppure, una volta usciti, troveremmo il virus ad aspettarci. Se così’ non è allora rimanere tappati in casa è stato inutile anzi dannoso. Quindi cosa dire sul soggetto? Lui almeno si è avveduto della gigantesca truffa, tanti altri italioti sono ancora convinti che se una cosa la dice la TV è vera per definizione.

  2. Pensavo di essere solo io o quasi a vivere fuori dall’Italia ma mi sembra che sia in buona compagnia. Ma dove vivete voi ? Personalmente ho una amico di 65 anni che é morto di corona virus 3 gg fà , era una persona ben messa, senza patologie che non fumava e faceva vita sana. Mio fratello e la figlia di mia sorella che hanno fatto il virus (50 e 35 anni) mi hanno detto che sono state 3 settimane difficilissime. A Bergamo ci sono 1800 giovani con la polmonite e non intubano piu’ sopra i 60 anni, li “accompagnano” come si dice in gergo. Se non intubassero sapete quanti morti ci sarebbero ? E ora scarseggiano i respiratori disponibili. Per puntualizzare il mio amico é stato malato due settimane, non gli hanno fatto il tampone perché “non ne valeva la pena” l’hanno ricoverato solo quando ha avuto seri problemi respiratori. Non vi viene il dubbio che qualcosa non quadra ? Se un paese con 1.3 miliardi di abitanti come l’India si mette in quarantena per 20 gg forse , dico forse non é un c..o di banale raffreddore, se Trump corre a far somministrare la clorochina e vitamina C agli americani chissà, magari puo’ succedere come in Cina , dove i morti e i malati erano 50 volte tanto e non sapevano piu’ dove metterli. Spero di sbagliarmi, correggetemi pure.

    1. Purtroppo è esattamente così Svegliamoci e senza contare tutte le altre patologie che stanno falciando gli italiani. Che sia il cibo, i vaccini fatti in gioventù, l’inquinamento..
      non lo so, ma un signore che conosco più giovane di me ha avuto un fortissimo e pericoloso ictus, faceva una vita molto sana e serena. Un altro sempre più giovane ha la leucemia. Credo che le aspettative di vita siano calate drasticamente a prescindere dal covid e questa mazzata non ci voleva proprio. Non so come fanno a minimizzare con quello che si vede in giro, i filmati non mentono purtroppo

Lascia un commento