E’ GUERRA: ERDOGAN ARMA I ‘PROFUGHI’, ASSALTO ARMATO AL CONFINE EUROPEO – VIDEO

Condividi!

Frontex, l’agenzia europea per il controllo delle frontiere, ha portato ad ‘alto’ il livello di allerta su tutte le frontiere Ue con la Turchia. Lo si legge in un comunicato nel quale si precisa che Frontex, su richiesta della Grecia, ha già disposto l’invio di altre attrezzature tecniche e uomini verso il Paese che si trova a fronteggiare ondate di clandestini provenienti dalla Turchia.

QUESTA E’ GUERRA, AGLI INVASORI SI SPARA

Da orma due giorni è guerra al confine greco con la Turchia:

Un’orda di decine di migliaia di islamici che vivono da anni in Turchia ha ricevuto il via libera da Erdogan per assaltare il confine greco dopo la pesante sconfitta subita a Idlib (città siriana) per mano russa. Li usa come ricatto per non perdere la guerra, vuole che l’Europa faccia pressioni perché Putin ritiri l’appoggio alla Siria.

Le autorità greche hanno recuperato i gas lacrimogeni utilizzati dai clandestini che hanno assaltato il confine: sono tra i molti consegnati dalla polizia della Turchia agli immigrati al confine di Evros, da usare per passare il blocco della polizia greca. E’ guerra:

Ecco mentre attaccano usando i lacrimogeni turchi:

Ed ecco chi sta arrivando con quest’orda islamica:

Mentre scriviamo notizia parlano di gruppi di clandestini islamici inviati da Erdogan che continuano ad assaltare la frontiera con la Grecia. Che avrebbe ceduto in diversi punti.

E’ un’orda che punta casa nostra:

E questa massa di invasori viene sostenuta dall’Onu con i nostri soldi. Come fossero profughi in fuga da una guerra e non giovani maschi pronti a dichiararla a noi:

 

Queste migliaia di invasori sono in marcia anche verso casa nostra. Sono diretti anche in Friuli, governatore Fedriga. E tutto questo mentre infuria l’epidemia di coronavirus. Rischiamo una catastrofe.

Visto che il governo non ha alcuna intenzione di fermarli. E’ forse il tempo che i governatori leghisti organizzino una milizia di volontari che presidi il confine orientale. Ed è forse già tardi. Non possiamo fidarci di un governo abusivo che ha appena deciso di smantellare quel rimasuglio di polizia di frontiera che gestiva – non bloccava – l’ingresso di centinaia di clandestini ogni settimana:

Il piano riservato del governo: eliminati i presidi di frontiera, via quello di Trieste

Follia.

Chiamateli forestali, se non vi piace il termine ‘milizia’. Basta che diate il via ad una campagna di arruolamento volontario. Ci sono migliaia di italiani pronti a schierarsi, a rotazione, al confine per respingere l’orda. Non è più il tempo delle chiacchiere, qui rischiamo la catastrofe sociale e sanitaria.

Le Regioni hanno tutto il diritto di difendere la frontiera in presenza di un governo abusivo e schierato con il nemico. L’ideale sarebbe formare pattuglie con ognuna a capo un militare in congedo o comunque con esperienza militare. Accorerebbero volontari da tutta Italia. Voi fornite equipaggiamento e loro forniranno le palle che mancano a quelli che non ci governano. Li respingiamo noi, i clandestini.

Le immagini provenienti dal lato turco del confine di Kastanies mostrano gli agenti che lanciano lacrimogeni sugli assalitori, che lanciano pietre e insultano. I media non hanno il permesso di avvicinarsi al lato greco del confine.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, intanto, ha confermato l’apertura dei confini turchi ai clandestini diretti in Europa, dicendo che almeno 18mila invasori sono già state lasciate andare e altre decine di migliaia verranno fatte uscire.

VERIFICA LA NOTIZIA

La Grecia ha annunciato questa mattina di avere impedito a 4.000 clandestini provenienti dalla Turchia di entrare nel suo territorio “illegalmente”, ha detto il portavoce del governo Stelios Petsas dopo un incontro di emergenza con il Primo Ministro Kyriakos Mitsotakis. “La Grecia ha dovuto affrontare ieri (venerdì) un tentativo organizzato, di massa e illegale di violare i nostri confini e l’ha superato”, ha affermato.

Intanto, nelle isole greche la rivolta contro l’invasore imposto dal governo centrale non si ferma:

Nelle isole greche, occupata da oltre 20mila clandestini, il governo reprime la rivolta:

Grecia, i militari inviati dal governo per reprimere proteste anti-clandestini: “Come i teppisti, hanno distrutto auto e insultato la popolazione: mercenari”

Due fronti quindi. Uno interno, in cui invece di caricare i clandestini su aerei diretti verso casa loro si tenta di eternarne la presenza e l’altro alla frontiera, con la compagnia ferroviaria statale turca TCDD che trasporta i clandestini nella provincia di confine di Edirne per favorire l’ingresso in Grecia e Bulgaria, mentre le auto di scorta della polizia turca aprono loro la strada perché arrivino fino ai cancelli di confine. Lo stesso servizio viene fornito anche con i pullman.

La polizia di Istanbul ha noleggiato numerosi autobus per portare i clandestini al confine. Mentre le persone si scontrano e cercano di raggiungere l’autobus, un uomo turco urla che ci sono molti autobus in arrivo.

E da ieri notte sono in corso scontri duri. Un vero e proprio assalto in stile militare al confine tra Grecia e Turchia. Dove i militari greci stanno affrontando l’assalto dei gruppi di immigrati inviati con bus e treni da Erdogan.

Migliaia di clandestini provenienti dalla Siria, dal Pakistan, dall’Iran e dall’Iraq sono in marcia forzata verso i confini della Turchia con l’Europa dopo l’apertura dei confini decisa da Erdogan per rappresaglia:

Erdogan apre le frontiere: la marcia islamica è cominciata – VIDEO

Gli immigrati musulmani che vivono in Turchia si stanno riunendo in grandi gruppi e si stanno spostando a piedi o con i trasporti verso i valichi di frontiera terrestri e marittimi che collegano la Turchia con i paesi europei. Un assalto in grande stile. Un’operazione militare in piena emergenza Coronavirus che sta dilagando nei paesi del medio oriente.

Convogli di clandestini sono stati visti a Istanbul, Edirne, Izmir, Aydin.

Queste sono truppe di invasione.

E sia detto chiaramente: almeno le orde di Serse rappresentavano una cultura, quelli che stanno assaltando il confine su ordine del Sultano sono un’orda fuori controllo. E’ tempo di sparare contro il nemico. Perché di invasori si tratta e non di ‘profughi’ come millantano i giornali.




4 pensieri su “E’ GUERRA: ERDOGAN ARMA I ‘PROFUGHI’, ASSALTO ARMATO AL CONFINE EUROPEO – VIDEO”

  1. Per come la vedo io, il rischio delle truppe volontarie è di essere abbattute dal fuoco “amico” cioè dalla polizia e l’esercito italiano. Immaginate che mentre la merda oltrepassa la frontiera italiana qualcuno esce e fa fuoco. L’esercito reagisce contro gli ignoti armati. Sicuro come l’oro.
    La strategia migliore era quella di cui parlavo stamattina, più radicale, li aspetteremo nelle varie città.

  2. no, l’invasore deve essere fermato alle frontiere e, se non si ferma all’alt, abbattuto. Qua, nella frontiera orientale, sono caduti 600 morti italiani per liberare queste terre e adesso, nel loro ricordo, non siamo capaci di difenderle? Se fosse vero è meglio scomparire come nazione per manifesta incapacità di esistere

I commenti sono chiusi.