Capuozzo contro Rackete “Non chiedi niente sul virus al tuo governo?”

Condividi!

Il giornalista scrive un’altra pagina del suo diario di bordo. Domande e riflessioni composte di getto su Facebook che riguardano il coronavirus

Solo ieri Capuozzo si era lasciato andare a una riflessione sull’impennata di influenze stagionali in Germania. Si era chiesto: “Il ministro della Sanità, che si è visto con il suo omologo tedesco, gli ha chiesto se qualcuno tra gli ottantamila casi di influenza in Germania è sospetto o meno? E chiedere se per caso si sono permessi il lusso di non chiudere bottega, mentre noi ci sparavamo sui piedi, con il premier in maglioncino nella protezione civile, il tutto chiuso, e il governatore di Lombardia con mascherina, e le disdette del turismo e tutto il resto?”

Germania: strano boom di influenza, 40mila infetti in ultimi giorni e 130 morti

“Ah, non glielo ha chiesto, gli ha spiegato come funziona il modello italiano di record dei contagi”. Poi l’affondo finale. Forse la farà Carole Rackete, questa domanda al suo governo, meno irrispettosa e meno coraggiosa di quelle che hanno fatto a lei i media italiani. “In fondo non si tratta di speronare i blindati delle Sturmtruppen. Solo una domanda sulla transparenz, come si dice in tedesco”.

Coronavirus, in Germania mille in quarantena: contagiati raddoppiano




Lascia un commento