Coronavirus, scatta la censura in Rai sul contagio: “italiani non devono sapere”

Condividi!

La Rai, a seguito delle critiche del governo per la linea informativa sull’emergenza coronavirus (considerata troppo allarmistica), ha intenzione di correggere il tiro e adottare un profilo più sfot. Ovvero censura.

VERIFICA LA NOTIZIA

Come? Con la cancellazione di programmi informativi: si torna ai reality. Infatti, è stato annullato uno speciale di Annalisa Bruchi, che sarebbe dovuto andare in onda oggi – giovedì 27 febbraio – su Rai 2. La Lega, sul piede di guerra, ha commentato la decisione come “un gravissimo atto di oscurantismo da parte di un governo che cerca di far calare il silenzio sui propri errori”.

Ma oltre al cambiamento della linea informativa, Viale Mazzini sta assumendo misure preventive per i propri dipendenti, come la cancellazione trasferte non necessarie, l’utilizzo delle mascherine per gli addetti ai lavori e il divieto di accesso in Rai per gli abitanti delle zone rosse. Insomma: voi non vi preoccupate, loro si preoccupano.




6 pensieri su “Coronavirus, scatta la censura in Rai sul contagio: “italiani non devono sapere””

  1. Tranquilla che non succede!E poi mi dai l’idea di qualcuno che resta lucido fino all fine.
    Ma PRIMA dobbiamo assistere alla fine di questi schifosi che hanno distrutto la società x come la conoscevamo e ci includo TUTTI, dai sostenitori agli artefici.

  2. Mah speriamo, l’hai vista la vecchia che hanno imbeccato e impagliato affinché tranquillizzi la popolazione? Sono queste cose che mi fanno preoccupare, ricordano tanto i sistemi maoisti.

  3. La parola Virus fa paura ed è per questo che nelle pubblicità la si evita. Di un disinfettante si dice che è efficace contro “germi e batteri”, come se i Virus non esistessero o se non fossero egualmente patogeni. Personalmente ritengo che una vera informazione sia necessaria onde frenare, ove possibile, l’accendersi di nuovi focolai di contagio. Il decidere di non parlarne più, preferendo inserire nel palinsesto programmi “leggeri” o di ripetere e fare ripetere come un mantra. che va tutto bene ed è la solita influenza invernale che richiede “more solito” in sacrificio, l’olocausto di vecchi con un piede nella fossa, che non c’è da preoccuparsi non penso che salveranno la Nostra Società Italica e la Nostra Civiltà dal ricevere una mazzata tra capo e collo dal Signor Virus, fiero mietitore di vite. Fare finta di niente, ponendo la testa tra la sabbia non salva la vita. Un esempio da Storia della Medicina. I microorganismi sono nemici invisibili ma temibili e mortali. Le Truppe inviate a Santo Domingo nel 1802 da Napoleone per soffocare la ribellione guidata da Toussaint Louverture vennero totalmente annientate da invincibili nemici, ma invisibili. Febbre Gialla ed altre Malattie Tropicali annientarono totalmente un contingente di ben 33.000 veterani e indussero Napoleone a svendere agli Stati Uniti d’America il territorio della Louisiana nel 1803.

Lascia un commento