Francia “invita” cittadini a non visitare l’Italia: zona infetta

Condividi!

Il sottosegretario nordafricano del governo francese invita a non visitare l’Italia:

I francesi sono “invitati” a rinviare
il più possibile i loro viaggi nelle
zone italiane “contaminate” dal nuovo
coronavirus. Così il sottosegretario ai
Trasporti, Djebbari, a Franceinfo.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Coloro che hanno effettivamente pro-
grammato di recarsi nelle aree più col-
pite e che possono rimandare il viaggio
sono invitati a farlo”, ha detto.

Intanto il ministero della Sanità con-
ferma due nuovi casi in Francia: una
donna cinese e un francese tornato
dalla Lombardia.

Al di là dell’idiozia del nostro governo, in Francia ce ne devono essere talmente tanti, solo che fino ad ora non sono stati in grado di identificarli.

Resta il fatto che questa sarebbe la ‘solidarietà UE’. Da ricordarsene. Ognuno per sé e Dio per tutti.

Un governo serio inizierebbe a rimandare in Francia le ong francesi. Un governo serio.




3 pensieri su “Francia “invita” cittadini a non visitare l’Italia: zona infetta”

  1. Da quello che ho capito loro sanno che il morbo si diffonderà al 100 per 100 della popolazione ma preferiscono spalmare il contagio in più tempo piuttosto che fare ammalare tutti insieme, e per un semplice scopi: disporre di abbastanza terapie intensive da far sopravvivere i vecchi ammalarsi. Si chiudono bar, cinema, mostre, fiere, eventi, stadi non per bloccare l’epidemia ma per diluirla nel tempo. E sapete perche’? Perché non si vogliono far morire quei 500.000 600.000 vecchi cronici in più nell’anno del Signore 2020. Vecchi che comunque sei mesi dopo o un anno sarebbero morti comunque. Lasciate fare a madre natura il suo lavoro!

Lascia un commento