Centinaia clandestini verso l’Italia: città chiuse e porti aperti, governo senza vergogna

Condividi!

L’ong tedesca Sea Watch prosegue verso l’Italia:

E presto si unirà alla flotta una nuova nave finanziata dalla Chiesa:

Nonostante l’Italia sia di fatto isolata per quanto riguarda l’uscita, in entrata l’assalto prosegue:

Ha ragione Salvini, la situazione è delirante. Città chiuse e porti aperti:




Un pensiero su “Centinaia clandestini verso l’Italia: città chiuse e porti aperti, governo senza vergogna”

  1. La Salute viene definita nella Costituzionedell’Organizzazione Mondiale della Sanità, come uno “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia”, viene considerata un Diritto e come tale si pone alla base di tutti gli altri Diritti Fondamentali che spettano alle persone. “La Repubblica Italiana tutela la Salute come fondamentale Diritto dell’Individuo, salvaguarda il principio del pluralismo scientifico e garantisce la libertà di scelta terapeutica da parte del cittadino e la qualificazione professionale degli Operatori Sanitari, valorizzando in particolar modo l’autonomia del Medico nelle scelte terapeutiche” (Corte di Cassazione, IV Sezione Penale, Sentenza n. 301, 8/2/2001). Ma il Diritto alla Salute e il Diritto alla Vita di chi sta in Italia, magari fisso, Italiano o meno che sia, dove va a finire se si fanno entrare, a priori, poiché imposti da ONG di norma straniere e da navi delle stesse battenti bandiere straniere, senza controlli di sorta stranieri privi di documenti e provenienti da zone a rischio, durante una emergenza sanitaria globale come la Malattia da COVID-19? Perché, per un “Politically Correct” a me e ad altri ben poco comprensibile, perché per non passare da razzisti (Noi, Italiani, sempre generosi con tutti) debbo accettare di beccarmi qualche brutta patologia a seguito di un contagio?

Lascia un commento