Mascherine introvabili, militari accusano governo: “Di Maio le ha regalate alla Cina”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Dopo avere inviato 250mila mascherine in Cina per fare gli splendidi:

Coronavirus, guardie mediche senza mascherine in zone infette: 250mila inviate in Cina dal PD

Quelli del Pd si accorgono di avere fatto una cazzata.

I governatori di Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto chiedono di bloccare le esportazioni di mascherine e guanti per evitare di rimanere a secco. Ad esporre la proposta è il presidente emiliano Stefano Bonaccini, che parla di “bloccare le esportazioni dei dispositivi di protezione individuale prodotti dalle aziende italiane e la requisizione del materiale”. E aggiunge: “Non vorremmo ritrovarci senza mascherine, tute, cuffie nelle zone più colpite”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ma non solo. Aumentano le richieste di mascherine da parte ospedali e forze dell’ordine, ma, come riconosciuto dal ministero dell’Interno, vi sono “difficoltà di approvvigionamento”. Il peccato originale risale alle prime due settimane di febbraio, quando il coronavirus intensificò la sua diffusione in Cina. Per via della riduzione delle forniture cinesi, da cui provengono la maggior parte delle mascherine, “dalla prima settimana di febbraio i magazzini europei e americani sono vuoti”, riferisce Andrea Spasciani, titolare di una ditta di Varesa che le commercializza. Ma non è tutto: il ministero degli Esteri ci ha messo del suo, regalando imprudentemente circa 2 tonnellate di materiale sanitario alla Cina, tra cui le introvabili mascherine.

Una “scelta sbagliata”, secondo fonti militari. La mossa sconsiderata del governo è stata denunciata da alcuni ospedali italiani (tra cui l’azienda sanitaria regionale del Lazio, gli ospedali di Bari e Palermo), ma anche da forze dell’ordine e farmacisti, i cui scaffali dedicati alla mascherine protettive sono ormai vuoti. Con l’approssimarsi del picco di contagi, previsto in settimana, sono state richieste numerose mascherine per gli addetti ai lavori, ma le scorte sono esaurite. Così il buonista sindaco di Firenze, Dario Nardella, commentava la spedizione di mascherine alla Cina da parte del governo e da alcuni caritatevoli imprenditori toscani: “Bisogna dare un messaggio di forte di supporto e collaborazione con il popolo cinese”, affermò. Il problema è attuale, e l’allarme è stato lanciato anche dalle guardie mediche sprovviste di mascherine.




Lascia un commento