Coronavirus, 44% di chi sbarca proviene da Paesi ad alto rischio

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
In un interessante articolo, analizzando i dati degli sbarchi e incrociandoli con lo studio pubblicato dalla prestigiosa rivista scientifica The Lancet:

La reporter Francesca Totolo ha calcolato nel 44 per cento la percentuale di clandestini sbarcati in Italia che provengono da Paesi africani ad alto rischio Coronavirus.

Questo dato – scrive la reporter – non comprende gli immigrati provenienti dal Bangladesh (343 dall’inizio dell’anno) che atterrano negli aeroporti dell’Egitto, per poi proseguire attraverso la rotta dei trafficanti verso la Libia:

Paghiamo i bengalesi per salire sui barconi: così finanziamo il loro arrivo in Italia

Sbarchi moltiplicati x 10, boom bengalesi: ma al governo non basta e spalanca i porti

Parliamo di Egitto, Algeria, Repubblica del Sudafrica, Marocco, Nigeria, Sudan, Etiopia, Angola, Ghana, Tanzania, Kenya, Costa d’Avorio, Guinea e Gambia. Paesi che hanno inviato in Italia dall’inizio dell’anno oltre 1.000 clandestini. Migliaia se prendiamo in considerazione gli ultimi mesi del 2019.




2 pensieri su “Coronavirus, 44% di chi sbarca proviene da Paesi ad alto rischio”

  1. Nel mondo, secondo l’OMS i tassi più elevati di malattia si registrano nella cosiddetta “cintura della meningite”, area che comprende i Paesi dell’Africa sub sahariana, dal Senegal all’Etiopia. In questi paesi prevalgono i ceppi A, C, W135. Nei Paesi ad alto reddito e a clima temperato il numero di casi di meningite è piuttosto sporadico (aumentano in inverno e primavera) e non sono frequenti i focolai epidemici

Lascia un commento