Toscana, mascherine introvabili: il PD le ha regalate alla ClNA

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA

“Mascherine esaurite”. E’ quanto si legge sui cartelli esposti fuori da sempre più farmacie italiane, anche in Toscana.

Dove non sono ancora introvabili, ma iniziano a scarseggiare. Il motivo è ovvio: il contagio avanza e la gente si organizza.

Ma anche perché qualcuno ha fatto il passo più lungo della gamba. Come il sindaco di Firenze, Dario Nardella, noto accoglione del PD, che la scorsa settimana, quando qualunque testa pensante avrebbe intuito l’arrivo dell’emergenza, ha deciso la donazione di 250mila mascherine alla Cina.

“Firenze si conferma vicina alla popolazione cinese e alla situazione di difficoltà generata dal Coronavirus. Ringrazio Moretti e Mazzei, che hanno reso possibile questa operazione e donato le mascherine”, aveva infatti dichiarato Nardella. “Dopo diverse ricerche – ha spiegato il Comune toscano in una nota – ne sono state trovate 250mila, che sono state inviate a Shanghai, da dove partiranno alla volta di diverse città. Anche la spedizione e la distribuzione in Cina si sono rivelate molto complesse e per questo il sindaco ha ringraziato le autorità governative cinesi, che hanno favorito il concretizzarsi della donazione”.

Insomma, se volete le mascherine, andatevele a prendere a Shangai. Il Coronavirus, intanto, ce lo hanno portato i cinesi.




4 pensieri su “Toscana, mascherine introvabili: il PD le ha regalate alla ClNA”

  1. Allora,facciamo il punto sui DPI (dispositivi di protezione individuale) : le mascherine “chirurgiche” ovvero quelle in tessuto non tessuto,verdi o bianche, servono da mettere ,provvisoriamente ,a chi è infetto per assorbire i droplet (le “goccioline”). Chi sta intorno deve avere maschere certificate ffp2 o N95 che garantiscono fra il 92 e 95% di filtrazione o, meglio ffp3 o N99 che garantiscono fino al 99%. Poi occhiali con bordatura aderente al viso ( i droplet sono assorbiti anche dalle congiuntive ); guanti monouso. Comunque tutto questo solo in presenza probabile di un infetto.

  2. Il linguaggio del corpo è meraviglioso perché ci svela quello che talvolta nemmeno noi stessi sospettiamo. Se guardate attentamente la foto il cinese è proteso verso Nardella ma questi istintivamente sposta il baricentro del corpo dalla parte opposta, evitandolo disperatamente. Il suo cervello non partecipa all’enfasi…della bocca.

Lascia un commento