Coronavirus, prima scoppio epidemia PD organizzò cena dal Cinese

Condividi!

Tutti a cena al ristorante cinese, a 10 euro a testa, per sconfiggere i pregiudizi sul coronavirus. E’ successo domenica scorsa a Lodi. Proprio mentre stava scoppiando l’epidemia nella zona. Tutto organizzato dalla locale sezione del Pd.

VERIFICA LA NOTIZIA

“L’iniziativa – ha spiegato l’esponente PD Andrea Ferrari – è nata per sostenere le attività di ristorazione cinese della città, per dimostrare che dall’emergenza coronavirus si può uscire più forti, combattendo i luoghi comuni. L’annuncio dell’evento ha fatto emergere, soprattutto sui social, le tante fake news ormai diffuse. I ristoranti sono luoghi di socialità e anche quelli cinesi sono molto frequentati dai cittadini lodigiani”.

“Il Corona Virus è un problema serio – si leggeva ad esempio in un post del 15 febbraio – ma va affrontato con gli strumenti della scienza. La psicosi collettiva sta danneggiando famiglie cinesi che non vedono il loro Paese da anni. Questa domenica, contro i pregiudizi e gli allarmismi fuori controllo… si mangia al ristorante cinese”. E ancora: “Contro i pregiudizi e gli allarmismi fuori controllo… #noinonabbiamopaura domenica 16 febbraio vieni a mangiare al ristorante cinese!”.

Dopo lo scoppio dell’epidemia proprio nella zona di Lodi, quelli del Pd locale hanno deciso di far sparire tutto. Nelle loro pagine social non risulta più alcun cenno all’iniziativa. Non prima che qualcuno riuscisse però a salvarli.

Domanda: visto che ormai è certo che a Padova il Coronavirus l’hanno portato i cinesi, e che statisticamente è più probabile siano stati anche in Lombardia migliaia di cinesi tornati dal Capodanno piuttosto che qualche decina di mananger italiani, non è che gli untori sono quelli del PD? Così, tanto per chiedere.

Il buonismo uccide.




2 pensieri su “Coronavirus, prima scoppio epidemia PD organizzò cena dal Cinese”

Lascia un commento