Coronavirus chiude la Serie A: stop partite in Lombardia e Veneto, governo nel panico

Condividi!

Coronavirus, lo sport si ferma in Lombardia e Veneto: niente partite di serie A per Inter, Atalanta e Verona, che dovevano giocare tutte e tre in casa.

Nessuna manifestazione sportiva avrà luogo domani in Veneto e Lombardia per decisione del Consiglio dei ministri.

È la conseguenza inevitabile dell’emergenza Coronavirus dopo i primi casi di contagio in Italia. Dopo una giornata di attesa in serata il premier Conte ha dichiarato che «il ministro Spadafora ha già annunciato la determinazione a sospendere tutte le attività sportive programmate per domani in Veneto e in Lombardia». Rinviate a data da destinarsi quindi Atalanta-Sassuolo, Verona-Cagliari e Inter-Sampdoria previste per oggi, domenica 23 febbraio. A Bergamo e Verona si doveva giocare alle 15, mentre a Milano Inter-Samp era programmata per le 20.45.

L’invito, come specificato nella stessa lettera, non è da estendere alle squadre delle due regioni colpite impegnate in trasferta, «salvo che i medesimi atleti provengano dalle aree indicate come focolai del contagio».

Questi fino a ieri hanno fatto entrare chiunque, ora chiudono tutto. Sono nel panico. Siamo nel panico. Ed è tutta colpa loro.




Lascia un commento