Coronavirus, seconda vittima italiana: governo irresponsabile

Condividi!

Una donna lombarda è la seconda vittima
dell’epidemia di Coronavirus.

Secondo le prime informazioni, sarebbe
collegata ai casi di Codogno ed era ri-
coverata in un ospedale lombardo.

Seconda vittima italiana del Coronavirus: si tratta di una donna anziana residente a Casalpusterlengo, secondo quanto si apprende da fonti qualificate della cittadina del Lodigiano. Secondo quanto si apprende, la signora, ultrasettantenne, era debilitata da una polmonite e sarebbe stata in attesa dei risultati degli esami a cui era stata sottoposta.

La prima vittima è stata Adriano Trevisan, di 78 anni, è deceduto all’ospedale di Padova, dove era ricoverato insieme con un’altra persona positiva al virus. Ex titolare di una piccola impresa edile, Trevisan aveva tre figli, una delle quali, Vanessa, era stata sindaco di Vo’ Euganeo, di dove sono originari. L’uomo, ricoverato già da una decina di giorni per precedenti patologie, è morto all’ospedale di Schiavonia (Padova). “Non c’è stato neppure il tempo per poterlo trasferire”, ha detto il governatore Zaia.




4 pensieri su “Coronavirus, seconda vittima italiana: governo irresponsabile”

  1. Su 15 ammalati 2 morti, quindi le voci che in Cina bruciano i cadaveri tirandoli con le ruspe erano fondate. Ci credevo anche se non ci fosse stata questa media italiana. Sono altrettanto certa che ci sono diversi ceppi e quelli “fortunati ” che guariscono si sono beccati poco più di una normale influenza.

    1. Probabilmente gli stanno raccontando che ci saranno tante case libere!Devono pagarli bene quegli schifosi delle ong x continuare il traffico!Ma se lo porteranno in famiglia!Se pandemia diventa qui, voglio vedere TUTTA europa trasformata in lazzareto!Non siete immuni globalisti di merda!!

Lascia un commento