Coronavirus: 50 contagiati in Italia e 2 morti, primo Paese non asiatico

Condividi!

La sinistra si è tanto preoccupata di evitare che si diffondesse un presunto razzismo contro i cinesi, nel frattempo è scoppiata l’epidemia di coronavirus:

Country,
Other

Total Cases
New
Cases
Total
Deaths
New
Deaths
Total
Recovered
Serious,
Critical
China 76,291 +827 2,345 +109 21,061 11,477
Diamond Princess 634 2 17 27
S. Korea 433 +224 2 18 9
Japan 126 +17 1 22 5
Singapore 89 +3 49 5
Hong Kong 70 +1 2 10 6
Italy 50 +29 2 +1 2 16
Thailand 35 20 2
USA 35 6
Iran 28 +10 5 +1
Taiwan 26 1 2 1
Malaysia 22 17
Australia 21 +2 11
Germany 16 14
Vietnam 16 15
France 12 1 7
U.A.E. 11 3 1
Macao 10 6
Canada 9 3
U.K. 9 8
Philippines 3 1 2
India 3 3
Russia 2 2
Spain 2 2
Belgium 1 1
Cambodia 1 1
Egypt 1 1
Finland 1 1
Israel 1
Lebanon 1
Nepal 1 1
Sri Lanka 1 1
Sweden 1
Highlighted in green
= all cases have recovered from the infection.

Highlighted in grey
= all cases have had an outcome (there are no active cases).

O gli altri Paesi non sono in grado di identificare gli infetti, che è anche possibile. O il governo non ha preso le precauzioni necessarie, che è probabile.

Coronavirus: bus carichi di cinesi a Venezia, ecco come è arrivato in Italia – VIDEO

E’ salito a 39 il numero di contagiati da Coronavirus in Lombardia: lo ha spiegato in conferenza stampa il presidente della Regione Attilio Fontana, sottolineando che si sono “tutti verificati” nella stessa area a sud di Lodi.

“Abbiamo la conferma che l’area del basso Lodigiano è centro di un focolaio. Possiamo dirlo in maniera abbastanza certa, tutte le situazioni di positività hanno o avuto contatti nei giorni 18 e 19 con il pronto soccorso e l’ospedale di Codogno”, ha aggiunto l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera, facendo il punto sulla situazione del coronavirus in Lombardia.

L’assessore Gallera ha escluso “situazioni a Milano”. “Non è una pandemia, per ora non ci sono motivi perché nel resto della regione vengano prese misure di alcun tipo dal punto di vista sanitario”, ha concluso.

Sono 12 i casi di Coronavirus registrati finora in Veneto; uno di essi era il 78enne deceduto ieri a Schiavonia. Lo si apprende dalla Regione. Degli altri 11 contagiati, solo uno è al di fuori del comune di Vo’ Euganeo: il 67enne di Mira (Venezia) portato la notte scorsa dall’ospedale di Dolo a Padova, in rianimazione. I restanti 10, tra cui “altri sette casi registrati oggi” ha spiegato il governatore Luca Zaia, fanno riferimento tutti a residenti del comune di Vo’.




Lascia un commento