Coronavirus: 60 forse contagiati in Lombardia, 3 già infetti. Burioni: “Quarantena o conseguenze irreparabili”

Condividi!

Sono due mesi che chi arriva dalla Cina si è potuto muovere liberamente. Governo complice del contagio.

Oltre al 38enne ora ricoverato a Codo-
dogno, ci sarebbero altre due persone
positive al test per il coronavirus: la
moglie e un uomo che avrebbe avuto con-
tatti con lui e che si è presentato in
ospedale con sintomi di polmonite.

E Sono una sessantina le persone che sarebbero entrate in contatto con il 38enne ricoverato a Codogno: per loro scatterà la quarantena. Non è ancora stato definito se i giorni sotto controllo sanitario verranno trascorsi in una struttura ad hoc o nelle proprie abitazioni.

“Le ultime notizie mi portano a ripetere per l’ennesima volta l’unica cosa importante. Chi torna dalla Cina deve stare in quarantena. Senza eccezioni”: così ha scritto su Facebook l’immunologo Roberto Burioni.
“Spero che i politici lo capiscano perché le conseguenze di un errore sarebbero irreparabili” ha aggiunto.

Coronavirus, consigliato coprifuoco a Codogno: “Rimanete chiusi in casa”, si temono 60 contagiati




Un pensiero su “Coronavirus: 60 forse contagiati in Lombardia, 3 già infetti. Burioni: “Quarantena o conseguenze irreparabili””

Lascia un commento