Viminale smentisce Lamorgese: ha rimpatriato meno clandestini di Salvini

Condividi!

Secondo i dati ufficiali del ‘suo’ Viminale, dal 10 ottobre al 31 dicembre 2019 i rimpatri di clandestini sono stati 1.221.

VERIFICA LA NOTIZIA

Nello stesso periodo del 2018, con Salvini ministro, erano stati 1.387.

Quindi, nonostante le panzane di Lamorgese e dei media di distrazione di massa, i numeri dei rimpatri sono diminuiti. E questo è ancora più incredibile se teniamo presente che, nello stesso periodo, gli sbarchi sono invece decuplicati: questo avrebbe dovuto favorire anche i rimpatri che in genere sono quasi tutti di tunisini, algerini ed egiziani che arrivano clandestinamente e grazie agli accordi con quei Paesi rimpatriati in poche settimane.

E invece no. Questo significa che non li stanno togliendo dalle strade.

Ovviamente è un lasso di tempo ancora relativamente breve, ma qualcosa ci dice che la situazione peggiorerà.

L’88,8 per cento dei 1.221 rimpatri “sicuri” con Pd-M5s è costituito da tre nazionalità: Tunisia (440), Albania (400) e Marocco (244). Sui 2.461 rimpatri forzati totali fatti dal nuovo governo tra settembre e fine dicembre 2019, questi tre Paesi pesano per il 49,6 per cento circa.

Con Luciana Lamorgese alla guida del Viminale, quindi, gli sbarchi fino al dicembre scorso erano raddoppiati rispetto allo stesso periodo con Salvini ministro:

Migranti, ecco i dati veri: boom sbarchi con Lamorgese e ne ricollocava di più Salvini

E ora si scopre che anche i rimpatri sono stati inferiori.

Attendiamo ora i dati dei rimpatri di questo inizio 2020. Intanto ecco gli sbarchi:

Sbarchi decuplicati: sfondati 2mila clandestini in 48 giorni

Sia chiaro: non che con Salvini i rimpatri fossero tanti, ma almeno lui aveva praticamente azzerato gli sbarchi e stava iniziando ad occuparsi anche di rimandarli a casa. Cosa che, tra l’altro, aveva bisogno della collaborazione della Difesa e degli Esteri. Nonché di Conte.

Ps. Se anche volessimo prendere come misura i dati dal 9 settembre 2019 (quattro giorni dopo l’insediamento del governo abusivo) al 31 dicembre 2019, i rimpatri forzati effettuati dall’Italia sono stati in totale 2.461 contro i 2.479 nello stesso periodo dell’anno precedente, con Salvini ministro.

Ma, ovviamente, il primo mese di rimpatri durante Lamorgese risente ancora degli effetti della politica di Salvini. Nonostante questo, appena arrivata sono diminuiti lo stesso, con un trend in discesa evidente.




Lascia un commento