Coronavirus, Pd apre ambulatorio per i 2.500 cinesi in un condominio: quartiere in rivolta

Condividi!

A volte a riportare certe notizie si fa fatica a credere di scrivere la realtà. Ma ormai questa è talmente delirante da essere più incredibile delle menzogne.

Dopo avere trasformato la Toscana nella culla della Meningite, grazie anche alla politica della cosiddetta ‘accoglienza diffusa’, ora il governatore di sinistra Rossi tenta il bis con il Coronavirus.

VERIFICA LA NOTIZIA

Sempre più imbarazzante la gestione dell’emergenza Coronavirus da parte del governo non eletto. Già saprete che stanno arrivando in Toscana, in un’area limitata tra Prato e Firenze, oltre 2.500 immigrati cinesi di ritorno dalle zone infette della Cina:

Coronavirus, Burioni: “Quarantena per i 2.500 cinesi di ritorno in Toscana o sarà contagio”

Ma forse non sapete che il Pd locale, che governa la Regione, ha concepito l’idea di un laboratorio in cui i cinesi potranno volontariamente recarsi in caso sospettino di essere infetti. E già questo è ridicolo, come spiegato dal virologo Burioni.

Ma ancora più ridicolo e criminale è il fatto che l’ambulatorio si trovi in un condominio. In un condominio!

Questo ha ovviamente scatenato la rabbia di chi in quello stabile (e in quelli vicini) vive e lavora: “Perché non avete trovato una struttura a sé?” è stata la domanda più gettonata. L’assessore Saccardi ha replicato che l’ambulatorio ha un ingresso riservato e che le persone sono invitate a presentarsi previa prenotazione telefonica, indossando la mascherina protettiva.

Invitati. Condominio. Non serve dire altro. Mentre Niccolò è rientrato sigillato, loro vanno con una mascherina in un condominio:

Coronavirus, Niccolò 14 ore blindato nella super barella e 2mila clandestini sbarcati senza controlli

“La comunità cinese è informata, con comunicazioni e volantini distribuiti attraverso le associazioni. E’ una modalità che mette in maggior sicurezza, evitando che queste persone vadano dove ci sono altri pazienti, come è successo giorni fa con la bambina cinese, risultata poi negativa, con la quale i genitori si erano presentati al pronto soccorso”.

Hanno quindi fatto volantinaggio e aperto un ambulatorio – uno – per 2.500 potenziali infetti. E lo hanno aperto in un condominio.

Non sono dei criminali?




3 pensieri su “Coronavirus, Pd apre ambulatorio per i 2.500 cinesi in un condominio: quartiere in rivolta”

Lascia un commento