Attivista FN condannato a dipingere casa ai gay perché aveva protestato contro Cirinnà

Condividi!

Siamo alla rieducazione stile Laogai cinesi. Certi magistrati sono andati a scuola da Mao. Un attivista di Forza Nuova è stato condannato in Romagna a ridipingere la sede dell’ArciGay per avere inscenato, come forma di protesta, un funerale per le vie del centro storico in occasione della seconda ‘unione civile’ tra omosessuali celebrata in Comune a Cesena.

VERIFICA LA NOTIZIA

Lo scorso ottobre il Tribunale di Forlì gli ha concesso la messa alla prova tramutando la pena in lavori socialmente utili, tra i quali la tinteggiatura di alcuni fabbricati del cimitero urbano di Diegaro e la casa dei gay.




4 pensieri su “Attivista FN condannato a dipingere casa ai gay perché aveva protestato contro Cirinnà”

    1. Ma che cazzo di sentenza é?!Inoltre, che condanna avrebbe ricevuto vista l’impunità per i reati degli immigrati?Se a quel bastardo nigeriano che ha stuprato una bambina di 8 anni, 8ANNI PORCA DI QUELLA TROIA!!!!! Ne hanno dati 2, uno che inscena un funerale gli dai l’ergastolo?
      Questa si chiama UMILIAZIONE, col ricatto che se non ti pieghi perdi il lavoro e ti rovinano economicamente e magari uno ha famiglia.La giustizia é MORTA qui da noi!!!

Lascia un commento