Renzi licenzia Conte: “Se cade il governo niente elezioni per mesi”

Condividi!

La scorsa settimana si è consumato lo strappo di Italia Viva, che ha rotto con Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e lo stesso presidente del Consiglio Giuseppe Conte sulla prescrizione, (s)nodo cruciale della riforma della Giustizia del Guardasigilli (grillino) Alfonso Bonafede.

La frattura non si è ricomposta e probabilmente mai lo sarà. Basta infatti leggere quello che scrive il leader di Iv nella sua enews: “Le elezioni non ci saranno per mesi (dopo il referendum di marzo vanno rifatti i collegi e dunque servono tempi tecnici). Per cui, se cade il Governo Conte Bis, ci sarà un nuovo Governo. Non le elezioni”. E a seguire: “Se avranno i senatori che stanno cercando e i numeri per il Conte-ter noi saremo felicemente all’opposizione”.

“Questi ultimi due giorni sono stati giorni utili perché, mentre io ero all’estero, gli altri hanno fatto le loro verifiche e hanno capito che non ci sono i dieci Scilipoti che cercavano dentro Italia Viva. È stato bello per me, utile per loro”. E ancora: “Più ci attaccano, più capiscono chi siamo. Persone per bene, che non sono in vendita. E che possono rinunciare domattina a un incarico di Governo in nome di un’idea. Non sono mai stato così felice della bellissima comunità di donne e uomini di Italia Viva come in questa settimana”.

La parole di Renzi sanno tanto di de profundis per il governo Conte bis. Ed è chiaro che l’esito finale di tutto questo saranno le elezioni, probabilmente in autunno per motivi tecnici post-referendum. Ma in questi casi la situazione potrebbe anche precipitare e costringere ad elezioni prima dell’estate.

Anche perché, a definire i collegi basterebbe qualche settimana.

Quel che è certo è che non andranno avanti per molto. Ormai è impossibile che i protagonisti si accordino: uno dei due – grillini o Renzi – perderebbe la faccia. Non che ne abbiano una, ma a tutto c’è un limite.

Non basterà raccattare qualche puttana a Palazzo Madama, anche se avrebbero stomaco e culo per farlo, perché uno o due voti di ‘maggioranza’ sarebbero ingestibili.




Un pensiero su “Renzi licenzia Conte: “Se cade il governo niente elezioni per mesi””

  1. Naturalmente, ma prima
    si dovrà attendere le saldature delle fratture da caduta

    oltre ad un lungo ed epico periodo di convalescemenza per scongiurare ogni

    ri-caduta per errate stampelle e\o incessatura a 5 stelle

Lascia un commento