Richiedente asilo vuole tornare a casa, governo non lo lascia ripartire!

Condividi!

Un richiedente asilo, arrivato un anno fa su un barcone come clandestino, vorrebbe tornare a casa ma non può farlo.

VERIFICA LA NOTIZIA

È arrivato un anno fa su un barcone, ma in Italia non vuole più stare. Vorrebbe ritornare in patria, in Gambia, dove, evidentemente, male non si stava.

Ma non lo lasciano partire. È la storia di un clandestino di 29 anni, richiedente asilo.

Il gambiano “sta dando segnali di squilibrio psichico e insofferenza perché non sopporta più la situazione”. In pratica il giovane, con un permesso temporaneo, non può partire perché non ha il passaporto e mancano accordi bilaterali tra Italia e Gambia per il rimpatrio. In pratica, l’attuale ministro degli Esteri, Di Maio, e il suo predecessore, non sono stati in grado di fare alcun accordo in due anni.

Salvini bloccava gli arrivi, loro non sono stati in grado di firmare accordi di rimpatrio con i Paesi di provenienza. Perché non vogliono, visto che le coop hanno bisogno di clienti.




Lascia un commento