Governo prepara l’invasione: ordinate altre 5 navi per andare a prendere i clandestini

Condividi!

Il governo abusivo si prepara alla grande scorpacciata estiva di barconi da andare a prelevare direttamente in Libia.

Come con le navi Dattilo, Diciotti e Gregoretti, ordinate poco prima dell’inizio della famigerata operazione Mare Nostrum, che diede il via alla Grande Invasione che ha portato in Italia dalla Libia quasi 1 milione di clandestini, a dicembre il governo abusivo ha commissionato 5 unità di tipo SAR destinate alle operazioni di ricerca e soccorso in mare per la Guardia Costiera.

Con la saldatura simbolica di un elemento di chiglia, il Cantiere Navale Vittoria segna formalmente la prima tappa nella realizzazione delle 5 unità di tipo S.A.R. (Search and Rescue) CP 300 (con opzione di altre 10) per la Guardia Costiera italiana e destinate principalmente allo svolgimento delle operazioni di ricerca e soccorso in mare (valore complessivo dell’appalto 10 milioni e 450 mila euro).

Si è tenuto nello stabilimento di Adria, alla presenza del Capitano di Vascello Luciano Del Prete, capo delegazione della Guardia Costiera, e dell’ing. Massimo Duò, vicepresidente del Cantiere Navale Vittoria, il Keel Laying – o posa della chiglia – della prime due imbarcazioni (che saranno consegnate entro l’estate e le successive tre a distanza di pochi mesi) che andranno a rinnovare la flotta attualmente in dotazione al Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera. Si tratta di un benaugurante rituale – un parallelo marinaro alla posa della prima pietra, dato che la chiglia è la struttura principale dello scafo, la “spina dorsale”, cui sono collegate tutte le ossature – volto a sancire l’avvio ufficiale dei lavori di costruzione.

Sotto la supervisione dei tecnici del Cantiere di Adria, il comandante Del Prete ha simbolicamente saldato una parte di ossatura di una delle unità. La delegazione ha successivamente fatto visita allo stabilimento, prendendo visione dello stato dei lavori di costruzione delle unità S.A.R. come della documentazione progettuale, supervisionando al contempo tutte le attrezzature che serviranno a completare l’allestimento delle imbarcazioni, la cui consegna è prevista per l’estate 2020.




Un pensiero su “Governo prepara l’invasione: ordinate altre 5 navi per andare a prendere i clandestini”

Lascia un commento