Affidano le figlie a immigrato: lui le stupra, il dramma di 2 sorelline

Condividi!

Violenza sessuale aggravata e continuata. È questo il reato di cui dovrà rispondere un 52enne tunisino, regolare (visto Salvini?) sul territorio italiano e residente in provincia di Como. L’immigrato ha stuprato due bambine.

VERIFICA LA NOTIZIA

I genitori si fidavano ciecamente del tunisino, tanto da affidargli le figlie quando si assentavano da casa per lavoro.

E lui, per due anni, le ha stuprate. Poi le pestava e minacciava perché non parlassero.

Nel corso delle indagini sono stati raccolti gravi indizi accusatori nei confronti dello straniero, di nazionalità di tunisina regolare sul territorio italiano. A sostegno dei dati raccolti, si sono rivelate incisive le testimonianze delle due giovani vittime che, assistite dagli specialisti, hanno contribuito in modo incisivo alla chiusura delle indagini. Rintracciato presso la sua abitazione, dopo la notifica degli atti, l’uomo è stato arresto nella mattinata di giovedì 13 febbraio e condotto dagli agenti presso la casa circondariale di Bassone, nel centro di Como. Il 52enne dovrà rispondere dei reati di violenza sessuale aggravata e continuata ai danni di minori.

Ma i genitori?




4 pensieri su “Affidano le figlie a immigrato: lui le stupra, il dramma di 2 sorelline”

  1. I genitori sono 2 COGLIONI fatti e finiti!
    A)Non lasci i figli ad estranei.
    B)Peggio se stranieri.
    C)Mussulmani?Ulteriore aggravante.
    D)Dio vi fulmini come sempre pagano innocenti il prezzo di questo dilagante finto buonismo di merda!!!!!

    1. Concordo. Personalmente avessi due figlie femmine non le lascerei neppure al mio migliore amico e italianissimo, figurarsi ad un conoscente straniero, per giunta magrebino, la cui propensione allo stupro é nota a tutti.

      Il liberalprogressismo – di cui il buonismo ne rappresenta un’appendice – é una malattia troppo diffusa e che va necessariamente debellata, altrimenti di fatti incresciosi se ne verificheranno sempre e con maggiore frequenza.

Lascia un commento