La baby-gang arrivata col barcone: “In Africa lo sanno tutti: in Italia siete costretti a mantenerci”-VIDEO

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Le storie dei «minori non accompagnati» dall’Egitto hanno tutte caratteristiche quasi identiche.

Provengono da alcuni distretti a Sud del Paese arabo: in alcune di quelle cittadine la migrazione ha provocato una trasformazione sociale, perché in certi quartieri non ci sono quasi più adolescenti maschi, tutti partiti da quando, nel corso del tempo, s’è radicato il convincimento comune che in Italia i giovani minorenni hanno diritto a essere accolti e alla completa assistenza. Un flusso che per anni, gonfiandosi sempre più, ha mandato in crisi la rete d’assistenza in Italia. Anche i ragazzi che s’erano riuniti nella famiglia/gang erano stati all’inizio accolti in comunità (è un obbligo dovuto alla famigerata legge Zampa del PD, votata per foraggiare le Coop accoglienza) in Sicilia e in Calabria, poi anche a Milano.

Dopo essere stati mantenuti anni sono scappati e si sono dati a quello a cui i giovani maschi stranieri si danno in territorio straniero: la violenza di gruppo contro gli autoctoni.

A Milano s’allontanavano mai dal «loro» quartiere: il quadrante che va dalla stazione in fondo a via Vigevano, alla Darsena, alle Colonne di San Lorenzo. Qui bivaccavano di giorno, rapinavano di sera, spacciavano di notte.

Hanno commesso nove rapine dal 22 febbraio al 21 luglio 2019 (queste sono quelle accertate, ma potrebbero averne fatte almeno altrettante). Aggressioni violentissime, con i cocci delle bottiglie spaccate, sempre cinque contro uno. Le vittime: ragazzini soli scelti a caso, circondati e terrorizzati, derubati di soldi e cellulari, uno scaraventato sui binari di Porta Genova con la minaccia di tenerlo a terra all’arrivo di un treno. E poi le droghe, vendute e consumate nei pomeriggi e nelle notti in strada, hashish e farmaci, stupefacenti «poveri». Un ragazzino rapinato, di fronte ai poliziotti del commissariato di Porta Genova guidati dal dirigente Manfredi Fava, ha riferito una sua impressione che però racconta molto degli imputati in questa indagine durata mesi: «Era come se volessero dimostrare un riscatto attraverso una violenza eccessiva e ostentata».

Tipico di soldati di un esercito ostile.

Eccola, la deriva di cinque ragazzini egiziani (uno appena maggiorenne, altri tutti minorenni all’epoca dei fatti) arrivati in Italia come «minori non accompagnati», categoria che alimenta un flusso costante e ben identificato all’interno della più vasta migrazione dal Nord Africa.

Adolescenti a cui le famiglie fanno affrontare il viaggio da soli e che, per l’età, quando arrivano in Italia hanno diritto a un permesso e all’accoglienza in comunità, con la scuola e l’avviamento al lavoro. Tutto a spese dei contribuenti italiani: in Italia non si fanno figli perché ci costringono a mantenere i figli degli altri.

I dettagli degli arresti rivelano molti aspetti di questa storia. Negli ultimi mesi i poliziotti della squadra investigativa mettono insieme molte denunce, trovano i dettagli che le collegano, costruiscono i capi d’accusa contro la gang seguendo il filo della serialità, raccolgono i filmati, ascoltano testimoni. Tutta l’indagine viene seguita costantemente dal capo della Procura del Tribunale per i minorenni, Ciro Cascone. Alla fine, la settimana scorsa, arrivano i mandati d’arresto. Si scopre che uno, il maggiorenne e leader del gruppo, è stato già fermato per spaccio qualche mese fa ed espulso, accompagnato in Egitto. Un altro s’è dileguato (ha di certo lasciato Milano ed ora a suo carico nelle banche dati delle forze dell’ordine c’è un rintraccio).

Restano gli altri tre: il primo viene arrestato in tutt’altra attività, tra venerdì e sabato scorsi, in una serie di controlli della Squadra mobile alle Colonne di San Lorenzo. Stava spacciando. Gli altri due li trovano un paio di notti dopo proprio i poliziotti del commissariato, sempre alle Colonne, uno intorno alle 3 e il secondo intorno alle 6 del mattino. Si incontrano tutti al carcere minorile Beccaria, un paio scoppiano a piangere e confessano altre rapine, alcuni furti, qualche aggressione (tutti reati sui quali ora saranno fatti accertamenti).

E la cosa incredibile è che non possiamo espellerli nemmeno se spacciano, stuprano e uccidono: per la legge Zampa un minorenne deve essere mantenuto comunque.




Lascia un commento