Gregoretti, Senato abusivo vota sì a processo contro Salvini: “Appena torno lo rifarò”

Condividi!

L’aula del Senato ha votato per mandare a processo Matteo Salvini per il caso Gregoretti. Era scontato: un Parlamento abusivo ormai totalmente illegittimo nel Paese, non poteva che votare contro chi ha difeso i confini. I grillini pagheranno caso.

Palazzo Madama ha di fatto accolto la richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti dell’ex ministro degli Interni e leader della Lega, bocciando l’ordine del giorno presentato da Forza Italia e Fratelli d’Italia. Il documento chiedeva di dire “no” al processo a Salvini, accusato di sequestro di persona dal Tribunale dei ministri di Catania, e quindi di ribaltare il voto della Giunta delle immunità il 20 gennaio scorso. La Lega non ha partecipato al voto uscendo dall’Aula. Alle 19 di stasera la comunicazione ufficiale.

Un Senato legittimo non avrebbe mai votato per mettere la sovranità nazionale nelle mani di un manipolo di giudici. La sovranità appartiene al popolo. Non alle toghe rosse. Non al Pd.

E’ una scelta eversiva. Ma strategicamente ottima per Salvini. Da oggi martire per essersi opposto all’invasione.

“Sono assolutamente orgoglioso di quel-
lo che ho fatto.”E appena torno al go-
verno lo rifarò”,commenta Salvini. “A
processo per aver difeso l’Italia… ma
ho totale fiducia nella magistratura”.

Il discorso del leader leghista prima del voto ha spaccato in due l’aula del Senato: applausi scroscianti da parte dei suoi alleati, ma anche tensioni con gli avversari, totale assenza tra i banchi del governo.

“Sono assolutamente tranquillo e orgoglioso di quello che ho fatto”, dichiara all’Ansa dopo il voto a Palazzo Madama. “E lo rifarò appena tornato al governo -assicura l’ex ministro dell’Interno – Difendersi in Senato è stato surreale. Ho giurato sulla Costituzione, che prevede che difendere la patria è dovere di ogni cittadino. Io ho difeso l’Italia”.




Un pensiero su “Gregoretti, Senato abusivo vota sì a processo contro Salvini: “Appena torno lo rifarò””

  1. Tralasciando il mare di invettive che mi uscirebbe spontaneo, mi limito a dire che siamo un caso unico al mondo, abbiamo toccato profondità insondabili di bassezza!
    La sinistra si é spinta là dove nessun uomo é arrivato prima!
    Vergogna suprema!

Lascia un commento