Senegalesi stuprano donna in casa sua: legata mani e piedi, poi violenza brutale – VIDEO

Condividi!

Una storia di violenza e un incubo lungo ore, quello vissuto in pieno centro a Cagliari da una donna di 50 anni.

VERIFICA LA NOTIZIA

Abou Sow, disoccupato e pregiudicato senegalese, si è presentato in casa sua insieme ad un connazionale (attualmente libero) e, dopo averle puntato un coltello alla gola le hanno legato mani e piedi e l’hanno stuprata.

Poi, la fuga dalla casa con circa 300 euro e alcuni preziosi. La donna è riuscita a liberarsi e ha chiesto aiuto. Sul posto si è precipitata un’auto dei carabinieri. I militari hanno subito dato il via alle indagini, riuscendo a risalire all’aggressore anche grazie ai filmati di una telecamera presente nella zona.
Ieri notte, la svolta: il senegalese è stato trovato in una casa nella zona di Is Mirrionis. I carabinieri hanno trovato alcuni vestiti, indossati dall’africano proprio la notte della violenza. È stato rinchiuso a Uta, su disposizione dell’autorità giudiziaria, per i reati di violenza sessuale, sequestro di persona, rapina a mano armata e lesioni.




6 pensieri su “Senegalesi stuprano donna in casa sua: legata mani e piedi, poi violenza brutale – VIDEO”

  1. Dove sono i buonisti? dov’è la Boldrini? dove sono tutti quelli che sono saliti sulle Ong per manifestare contro il governo per il no agli sbarchi?. Ho capito, I migranti sono l’elemento umano, ci OFFRONO uno stile di vita, che è uno stile di vita, che presto sarà lo stile di vita di tutti noi.
    Mi auguro che sia tu Boldrini, la prima (giustamente) ad appendere in tutto è per tutto questo bellissimo stile di vita.
    Magari dopo potresti raccontarci le tue esperienze, sono sicuro che saranno utili a tutta la comunità italiana.

Lascia un commento