Bologna, Pd ha portato i tunisini a votare contro Salvini: usano immigrati contro italiani

Condividi!

Vedete perché vogliono i porti aperti e lo ius soli? Perché gli immigrati devono venire a fare il lavoro che gli italiani non vogliono più fare: votare il PD.

VERIFICA LA NOTIZIA

Lo confessa tal Vilmer Poletti, segretario del Pd al Pilastro di Bologna, zona dominata dallo spaccio degli immigrati.

Per il capoclan locale del PD, infatti, la citofonata di Salvini avrebbe facilitato il trasporto di tanti ‘italiani’ di origine straniera ad andare alle urne per dire ‘no’ al Carroccio perché spaventati da quanto compiuto dal leader leghista e da quanto, magari, sarebbe potuto accadere in futuro.

E così molti tunisini diventati ‘italiani’ sarebbero stati mobilitati dal Pd per sostituire il voto degli italiani. Che, anche a Bologna, sta diminuendo per il Pd.

Detto che il voto degli immigrati con cittadinanza italiana è ad oggi ininfluente, questo non sarà se verrà approvata la legge sullo ius soli o ius culturae e milioni di immigrati, anche clandestini, divenissero ‘italiani’. Ma anche con l’attuale legge sulla cittadinanza, tra qualche anno avremo i primi partiti islamici in coalizione con il PD.

Pd che per ora usa gli immigrati ‘solo’ per le Primarie di partito dove i vari clan pagano i boss delle varie comunità per il loro voto etnico.

Abbiamo pochi anni per bloccare l’invasione in modo democratico. Poi, come oggi in Francia, non ci resterà che la guerra ‘civile’.




7 pensieri su “Bologna, Pd ha portato i tunisini a votare contro Salvini: usano immigrati contro italiani”

Lascia un commento