Sovranisti maggioranza nel Paese: lasciate votare tutti gli italiani, non solo le sardine

Condividi!

La cosa assurda di queste elezioni regionali è che 56 milioni di italiani abbiano dovuto assistere da spettatori alla decisione se, anche loro, possono votare o meno per scegliersi un governo.

L’Emilia Romagna non è stata ‘liberata’. Ma è, ormai, di un rosso sempre più sbiadito. E si conferma l’arroccamento del Pd in alcune provincie della regione. Con la ridotta di Bologna, come in Toscana quella di Firenze, a reggere un sistema di interessi e clientele a resistere ora che ormai le idee del partito sono state rigettate in tutta Italia.

Il risultato politico è l’annientamento del M5s, ormai numericamente irrilevante. E questo, nonostante le truppe sovraniste siano state respinte dalle mura bolognesi, potrebbe essere paradossalmente un fatto di destabilizzazione del governo, accelerando la fuga dei parlamentari grillini verso lidi che possano confermare loro un seggio che, ormai, il M5s non può più garantire.

Il MoVimento si è suicidato andando al governo con il PD.

L’altro dato politico è che la coalizione sovranista, con questi dati in ER, è ampia maggioranza nel Paese. La somma dei partiti supera la somma dei voti nelle elezioni europee del maggio scorso, quando già era stato un risultato storico. Dato ribadito anche dall’avere doppiato i rivali in Calabria.

Ormai il PD è il partito di Bologna e Firenze. Più altre grandi città. Fuori, nelle pianure e nelle montagne degli uomini liberi non esiste più. Fuori è tutta terra sovranista. Avete respinto un assalto. Ma siete destinati a perire. Siete già morti.

Questa ‘vittoria’ che fino all’anno scorso sarebbe stata scontata in Emilia Romagna, è l’ultimo canto del cigno. Anzi, nel vostro caso, di una sardina. Muti.




7 pensieri su “Sovranisti maggioranza nel Paese: lasciate votare tutti gli italiani, non solo le sardine”

  1. Se anche la Borgonzoni avesse vinto in ER, tutto l’apparato burocratico ed amministrativo da sempre in mano ai boiardi di sinistra l’avrebbe boicottata e sabotata non lasciandola lavorare.
    Però questa sconfitta rimane un peccato perchè sarebbe stata una bella spallata al governo giallorosso. Il PD invece può farsi forte di questa vittoria di Pirro per tirare dritto.
    E’ vero che i 5stelle potrebbero subire ulteriori defezioni, ma proprio a causa del loro disfacimento è probabile che saranno sempre più asserviti al PD che garantisce loro di sfuggire alle elezioni.
    L’ironia della sorte vuole che sia Renzi l’unica speranza che abbiamo: speriamo si accontenti di piazzare la sua gentaglia nelle partecipate e poi faccia cascare il governo. Se invece conta di arrivare fino alle elezioni del presidente della repubblica ci tocca aspettare altri due anni (a meno che “Motorola” non tiri le cuoia prima)…

  2. Una vergogna, queste città non hanno capito che sarebbe stata la volta buona per liberare il paese dai tentacoli di questa maledetta piovra.
    Sono senza vergogna, senza un minimo di coerenza, sentire e vedere Zingaretti che sprizza entusiasmo ed elogi da tutti i pori è veramente assurdo. Con quale coraggio ha modo di esultare, parlare di democrazia, quando sono la, ANCORA UNA VOLTA, non per merito, ma bensì per aver evitato in tutti i modi possibili che gli italiani, QUELLI VERI, possano, in modo assolutamente democratico, andare ad esprimere il loro consenso.
    Sono la ancora una volta a fregare gli italiani, facendo gli interessi della Germania, Francia ed Europa. Tassando L’IMPOSSIBILILE, preparando una legge elettorale che possa in qualche modo arrestare la salita di Salvini, allo stesso tempo proteggendo il loro STATO attuale compreso le poltrone,ASSURDO.

    1. Marxel, concordo con te però resta il fatto che in Emilia Romagna il PD rimane il primo partito: questo è veramente assurdo, non l’entusiasmo di Zingaretti che ovviamente è felice di essersi salvato per il rotto della cuffia.
      E persino in Calabria dove il cdx stravince e la Lega che si presenta lì per la prima volta fa un ottimo risultato, abbiamo vinto solo grazie alla coalizione che include Lega, FI e FdI, perchè pure lì il PD rimane il primo partito.
      Allora qui bisogna piuttosto chiedersi quale sia la qualità di un popolo che continua a votare compatto queste merde di sinistra.

      1. Luigi Ranalli, il tuo appunto è un dato molto importante ma anche grave.Anch’io sono partito dal fatto che, queste votazioni erano tanto importanti per indebolire e togliere la penultima, se non erro, stampella a questo partito. In democrazia giustamente ognuno vota per chi vuole, tuttavia mi chiedo, possibile che ci sia ancora tanta gente che spinge per un partito così disastroso. Possibile che non subiscano, vedano o si accorgano di come ci hanno ridotto nell’arco di tutti questi anni che sono stati al governo senza averli votati?. Detto quetso, devo dedurre che a questa parte del popolo non importa proprio nulla di come stanno riducendo l’Italia, immigrazione incontrollata, il mostro di Bibbiano, si perché la storia di Bibbiano reputo sia una roba mostruosa sotto tutti gli aspetti. Solo per questo fatto avrebbero dovuto prendere decisioni forti, invece?tutti con le sardine, a cantare e gridare slogan come degli scemi, azz persone anche adulte non solo giovani, per cosa?difendere un partito che gestisce TUTTO da 70 anni, sostenere un politico che si è visto bene di esporre il proprio simbolo quale senso di vergogna. Aallora cosa ha questa gente da guadagnare?. Non è possibile essere soddisfatti o felici di come ci stanno facendo vivere, quindi? questa gente guarda solo il primo giardino, prospera bene per il resto non gli importa nulla di tutto il resto,ma vanno in piazza a gridare, no al fascismo no al razzismo, ma mai contro la propria incoerenza e la dittatura legalizzata con cui convivono da ANNI.

  3. “Il risultato politico è l’annientamento del M5s, ormai numericamente irrilevante.”: i pentagrulletti meritano di sparire dal panorama politico italiano. Hanno preso in giro i loro elettori, e questi ultimi gliela stanno facendo pagare con tutti gli interessi rivolgendo le proprie preferenze verso Lega e Fratelli d’Italia. Dicevano i loro capi politici “mai col PD” e poi ci fanno assieme un governo, invece di andare a elezioni anticipate. Se si fosse andato a elezioni anticipate, lo stesso M5S ne avrebbe tratto giovamento, perché avrebbe comunque mantenuto percentuali di consenso attorno o superiori al 25%. E invece hanno deciso di fare harakiri mettendosi a fare il governo con il PD, e ad ogni elezione in cui si presentano prendono percentuali ridicole.

    Il governo giallofucsia durerà sicuramente per l’intero quinquennio legislativo, purtroppo per l’Italia. Il M5S alle prossime politiche la pagherà cara, perché penso non riuscirà nemmeno ad eleggere rappresentanti in parlamento, cosa che gli auguro. Se ciò accadrà, gli converrà sciogliersi.

  4. Invito tutti i commentatori ad una riflessione sulle sardine. Non sono altro che centri sociali riciclati, lo sappiamo, ma nessuno lo dice, perché il centro sociale fa casino ma non smuove voti, invece questi con la faccetta pulita ed ingenua dei gggiovani sono riusciti a smuovere, non certo quelli a destra, ma quelli a sinistra che di votare a destra non ci pensano a priori, ma che cominciavano a stufarsi dei soliti boiardi di stato e almeno si astenevano. Credo sia necessario un grande movimento giovanile uguale e contrario, anche a costo di arrivare a manifestazioni di piazza negli stessi giorni e nelle stesse città. Ma ho poche speranze. Le iniziative giovanili di destra vengono mal viste, basti pensare alla modestissima iniziativa di Generazione identitaria con la loro nave, boicottata da tutti, impossibilitata perfino ad attraccare in porto, con i giovani indagati e dipinti come nazisti e criminali.

  5. Marte Ultore condivido pienamente,precedentemente ho manifestato l’idea di scendere in piazza contro questa assurda situazione. Governo e sardine non fanno altro che respingere il volere di 65 milioni di italiani che in modo democratico vorrebbero potersi scegliere da chi essere governati. Credo sia arrivato il momento di prendere una posizione, perché se li lasciamo fare, questi DITTATORI ci rovinano l’esistenza, a noi e le nostre generazioni.

Lascia un commento