Virus cinese, 40 milioni in quarantena, si diffonde dagli occhi: corpi accatastati in corridoi ospedali – VIDEO

Condividi!

Nel suo ultimo bilancio di giovedì la commissione sanitaria nazionale cinese riferiva di 830 casi conclamati (177 giudicati gravi mentre 34 pazienti sono stati dimessi dall’ospedale) e di 26 decessi, la maggior parte dei quali concentrati a Wuhan, la metropoli di 11 milioni di abitanti che si trova nella provincia centrale di Hubei, dove è stato individuato un mese fa il focolaio della malattia. Wuhan e la vicina Huanggang (7 milioni di abitanti) restano in quasi quarantena, con la sospensione dei collegamenti ferroviari e aerei.

Una decina di altre località nella regione hanno adottato misure analoghe, per un totale di oltre 40 milioni di cinesi che risultano confinati dalle autorità.

Ma la situazione sembra più fuori dal controllo delle autorità di quanto ammettano. Questo video mostra un ospedale della zona con i cadaveri accatastati nei corridoi:

E un’infermiera denunciare che la situazione è ormai sfuggita di mano con la quarantena arrivata troppo tardi.

Un altro video mostrerebbe gli stessi medici accasciarsi a terra, colpiti dal virus.

Fuori dalla Cina vengono segnalati diversi altri casi di infezione – in particolare in Thailandia (4), a Singapore (3), in Vietnam (2), in Giappone (2), in Corea del Sud (2), a Taiwan (1) e negli USA (1) – che hanno convinto le compagnie aeree a sospendere i voli con Wuhan mentre negli scali internazionali vengono effettuati controlli preventivi specifici sui passeggeri provenienti dalla Cina.

Il virus, che continua a mutare, provoca tosse, febbre e difficoltà respiratorie, tutti sintomi comuni ad altre patologie che ne rendono difficile la diagnosi. Intanto sono tre le squadre di ricercatori che stanno cercando di mettere a punto un vaccino contro il nCo-V-2019, con l’obiettivo di effettuare test clinici del futuro preparato entro il prossimo mese di giugno.

Secondo alcuni esperti questa infezione sarà meno virulenta della Sars comparsa in Cina nel 2002 e che aveva causato la morte di circa 800 persone. Il che la rende più pericolosa: un virus, per essere ‘vincente’, deve avere il giusto ‘equilibrio’ tra tasso di mortalità e velocità di diffusione, se la prima è troppo alta, non riesce a propagarsi perché l’ospite muore troppo in fretta.

OUTBREAK OVERWHELMS
40 MILLION QUARANTINED
‘SPREADS THROUGH EYES’




6 pensieri su “Virus cinese, 40 milioni in quarantena, si diffonde dagli occhi: corpi accatastati in corridoi ospedali – VIDEO”

  1. Sensazionalismo da tabloid inglese + un video di uno che lavora troppo.
    Se i Cinesi fossero così deficienti sarebbero al livello dei nazi dei film e questo non è il caso. Così come i nazi dei film erano in realtà un po’ più cattivelli altrimenti in sei mesi se ne sarebbero liberati.

    1. A questo proposito, è sempre interessante documentarsi su come gli Inglesi si sono impadroniti di Hong Kong e confrontare magari la “rivolta dei Boxer” con i sentimenti di sovranismo in giro da queste parti attualmente.

  2. Allora, magari non sarà questa la volta buona, perchè purtroppo si tratta di un semplice avvertimento, per ora; il messaggio è questo: o tu Cina ti metti in un cantuccio buona buona e la smetti di comprare il petrolio iraniano, e permetti a me Stati Uniti governati dagli Ebrei, di radere al suolo l’Iran, oppure la prossima epidemia che ti scateno contro ti riporta al neolitico. CIUCCIA CINESE. PS: io ho il vaccino!

Lascia un commento