Coronavirus, arma biologica sfuggita da laboratorio?

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Il contagio cresce a ritmo vertiginoso, le ipotesi su Coronavirus si fanno sempre più spaventose: dietro, infatti, potrebbe esserci un “incidente” in un laboratorio di armi biologiche che si troverebbe proprio a Wuhan, in Cina. Ed in questo contesto prende la parola il presidente del Dragone, Xi Jinping, che usa torni a tratti drammatici per parlare dell’emergenza. “La Cina sta affrontando una situazione grave data dall’accelerazione” dell’espansione del nuovo virus, ha premesso. “Di fronte alla grave situazione di una diffusione sempre più rapida del nuovo coronavirus è necessario rafforzare la leadership centralizzata e unificata del Comitato Centrale del Partito“, ha aggiunto.

Si potrebbe pensare ad un tentativo sfuggito di mano di controllare la protesta di Hong Kong con la diffusione di un virus:

Coronavirus, militare isrealiano: “Fuggito da laboratorio di armi biologiche”. Migliaia di morti?

E ancora, Xi Jinping ha aggiunto che “la Cina può vincere la battaglia”, parole che fanno crescere la paura. Il capo di stato cinese ha parlato nel corso di una riunione del comitato permanente dell’ufficio politico del partito comunista cinese, organismo di sette uomini che dirige il Paese. Il governo ha deciso di istituire un comitato ristretto per affrontare la crisi nel modo più rapido ed efficace possibile.




Vox

4 pensieri su “Coronavirus, arma biologica sfuggita da laboratorio?”

  1. Ok, ci rimane sempre da capire se attacca solo agli “asiatici”.
    Capisco che chiunque lavori in un giornale non scriverà mai una cosa del genere perchè sarebbe come ammettere che i razzisti hanno ragione, però…

  2. improbabile che ci sia stata una falla nel sistema di sicurezza del laboratorio di Wuhan, proprio improbabile e idiota pensare una cosa simile. Piuttosto, conoscendoli, gli yankees avranno avuto una bella idea, delle solite:
    visto che già fomentano gli aspiranti terroristi di Hong Kong contro il governo cinese, quale idea migliore di diffondere un coronavirus proprio a Wuhan, dove c’è un laboratorio, in modo da provocare migliaia di morti e sollevare la popolazione contro il governo, addossandogli la colpa? insomma quale versione regge meglio di questa? quella dei pipistrelli? ma andiamo!

  3. improbabile che ci sia stata una falla nel sistema di sicurezza del laboratorio di Wuhan, proprio improbabile e idiota pensare una cosa simile. Piuttosto, conoscendoli, gli yankees avranno avuto una bella idea, una delle solite:
    visto che già fomentano gli aspiranti terroristi di Hong Kong contro il governo cinese, quale idea migliore di diffondere un coronavirus proprio a Wuhan, dove c’è un laboratorio, in modo da provocare migliaia di morti e sollevare la popolazione contro il governo, addossandogli la colpa? insomma quale versione regge meglio di questa? quella dei pipistrelli? ma andiamo!

  4. Non si può escludere niente, e niente mi stupirebbe più, ma per il momento mi pare un’ipotesi da cappello di stagnola. Un’arma biologica con bassa percentuale di mortalità? Penso che i Cinesi saprebbero fare di meglio. “controllare la protesta di Hong Kong con la diffusione di un virus”… a Wuhan? Come dire, spararsi nelle palle col bazooka per tagliarsi un’unghia girata. Si può dire tutto dei Cinesi ma non che siano stupidi. Vogliamo andare sul complottistico? Potrebbe essere stato diffuso per creare danno economico e di immagine senza fare troppi morti. Oppure un test “in vivo” (specie se fosse vero che colpisce preferenzialmente gli Asiatici). Oppure un “avvertimento”. In ogni caso non opera della Cina. Oppure potrebbe essere un virus studiato in quel laboratorio a fine preventivo, e sfuggito per errore umano, o diffuso da qualche dipendente scontento. Curioso che i primi due casi in Europa siano in Francia, che con quel laboratorio ha a che fare (ma ce ne sono anche altri a Wuhan, incluso uno che studia virus geneticamente modificati, credo per fare “gene editing” come terapia antitumorale). Ancora ritengo più probabile però che la causa sia lo schifo di quei mercati della carne, schifo non solo per le condizioni igieniche, ma prima ancora per la disumanità che vi si pratica. Se poi mi sbaglio, vorrà dire farò penitenza depilandomi il petto con il rasoio di Occam.

Lascia un commento